Ryanair, cambia tutto: la rivoluzione della compagnia irlandese (sul bagaglio) che farà felici milioni di passeggeri


 

Ryanair cambia ancora. È di queste ore la notizia dell’ennesima rivoluzione delle compagnia low cost più famosa del mondo: stop alle tariffe differenziate per i bagagli e abolite quelle extra per il secondo ed il terzo. Una novità diffusa dal Ceo di Ryanair Michael O’Leary, che permetterà un ulteriore risparmio ai passeggeri. Un’operazione non indolore per l’azienda irlandese che trae quasi un quarto delle entrate da extra come, appunto, le tariffe sui bagagli.

(continua dopo la foto)







 

Nel dettaglio, l’obiettivo del programma denominato “Always Getting Better”, è quello di ridurre il numero delle opzioni di prenotazione per il bagaglio da imbarcare da 108 a 6. Spariranno quindi i costi differenziati per il bagaglio a stiva. Attualmente Ryanair presenta tariffe differenziate in base al peso (15 o 20 kg), se si prenota online o in aeroporto, se il volo è in alta o bassa stagione. I costi saranno uniformati per la maggior parte dei bagagli. Niente più ,ma questo vuol dire che non tutti ne beneficeranno: chi prenota in bassa stagione vedrà lievitare la propria tariffa del 50%. 

Il ceo difende la misura dicendo che la maggior parte dei passeggeri effettua il check-in dei bagagli in alta stagione. In più, la percentuale di passeggeri che imbarca il proprio bagaglio sale fino al 30-35% durante la stagione estiva mentre cala al 5% nel mese di novembre. O’ Leary nega inoltre che il cambio di politica tariffaria sia stato causato dalle accuse di penalizzare le famiglie che partono durante l’estate imbarcando una grande quantità di bagagli. Il cambiamento entrerà in vigore dal 16 giugno, ma non avrà effetto per i passeggeri che hanno già prenotato un volo.

 

Duro colpo per tutti i clienti Ryanair, la compagnia irlandese ha deciso di “chiudere bottega”. Parole pesanti verso il governo e Alitalia: ecco cosa è successo e cosa succederà nei prossimi giorni

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it