EasyJet, da oggi anche il bagaglio a mano si paga. Ecco cosa è cambiato


 

Prendere un volo low cost, di questi tempi, potrebbe rivelarsi davvero molto costoso. Già, perché la nuova frontiera del profitto è l’accessorizzazione dei servizi. Per esempio, anche easyJet ha cambiato le cose…

(Continua a leggere dopo la foto)







Nello specifico, come ha rivelato il Telegraph, a cambiare sarà la gratuità del bagaglio a mano. A febbraio easyJet aveva presentato la possibilità di portare a bordo un secondo bagaglio a mano a chi avesse acquistato un biglietto Plus, Extra Legroom o fosse titolare di una Plus Card. Inoltre aveva dichiarato che un bagaglio 50x40x20 centimetri poteva essere portato a bordo, così come uno più grande – 56x45x25 cm – , purché il velivolo non fosse troppo affollato. Oggi è tutto cambiato: la doppia opzione è scomparsa, c’è solo quella del bagaglio più grande, che non è detto possa salire a bordo, a meno che non si sia titolari di una Plus Card, non si scelga un Extra Legroom (13,25 €) o non si acquisti il biglietto Flexi che dà diritto allo “Speedy boarding easyJet Plus”, ossia una sorta di diritto di precedenza sul vano bagaglio. Significa che per avere la certezza che il nostro bagaglio a mano non venga spedito nella stiva, dobbiamo pagare. In sintesi, a forza di pagare tutti quegli ‘’extra’’ che nelle compagnie normali sono garantiti, si finisce per pagare davvero molto un volo low cost…

Leggi anche: Il sogno sta per avverarsi: voli low cost per New York (e non solo) con Ryanair

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it