L’iniziativa choc dell’agenzia: “Offriamo contratti rumeni, così si risparmia sui lavoratori…”


 

Non c’è limite alla svendita dei diritti. Leggete cosa si è inventata un’agenzia interinale che opera nel Modenese (e ha filiali in tutta Italia), ma registrato in Romania: invita le aziende del territorio a “vincere la crisi economica” assumendo “lavoratori interinali a contratto rumeno”. “Cosa stai aspettando – recita il volantino, come rivela Il Fatto Quotidiano – risparmia il 40% e beneficia della massima flessibilità. Niente Inail, Inps, malattia o infortuni. Niente Tfr, tredicesima e quattordicesima. Alla tua azienda non rimane che pagare 11 mensilità e non 14 più Tfr (e contributi) come stai facendo. E in più niente anticipo di Iva perché le nostre fatture sono comunitarie”.

Il documento è finito sul tavolo della Procura di Modena, grazie a un esposto presentato dalla Cgil. “In pratica – spiega Franco Zavatti, coordinatore legalità e sicurezza della Cgil Emilia Romagna – parliamo di caporalato”. L’escamotage adottato dall’agenzia interinale è semplice: “Il soggetto, che opera in tutta Italia, è registrato in Romania – continua Zavatti – e agisce in maniera illegittima tra le pieghe della normativa Ue, contrabbandandosi come un’impresa europea. Ovviamente la procedura non è regolare, perché quando un’azienda opera in Italia, come in questo caso, deve rispettare le leggi del Paese in cui lavora, condizioni contrattuali comprese. E tuttavia il rischio è che qualche attività abbocchi all’amo, anche se per il momento non abbiamo ricevuto segnalazioni di questo tipo, per questo abbiamo presentato un esposto in Procura e denunceremo il caso al ministero del Lavoro”. Senza le tutele contrattuali escluse dal rapporto lavorativo offerto dal volantino dell’agenzia interinale in questione, infatti, il profilo che si delinea è quello dello sfruttamento della manodopera con metodi illegali.

Ti potrebbe interessare anche: Braccianti trattati come schiavi, i caporali: “Vi prendo a bastonate…”







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it