“Ha un infarto!”. Choc alla storica gara di ciclismo. È successo durante la Parigi-Roubaix: il giovane corridore è improvvisamente caduto. Appena arrivati i soccorsi, la scoperta terribile


 

Che paura alla Parigi-Roubaix! La storia gara di ciclismo che si corre in Francia. Il corridore belga ventiquattrenne Michael Goolaerts della Veranda’s Willems Crelan, improvvisamente si è fermato e si è accasciato a terra dopo essere rimasto coinvolto in una caduta sul secondo settore di pavé, il Briastre. Immediato l’intervento dei mezzi di soccorso che hanno trovato l’atleta in arresto cardiaco, notizia non confermata dalla squadra ma ripresa dalla televisione France 3. I medici dopo aver stabilizzato il giovane con massaggio cardiaco lo hanno immediatamente trasferito in ospedale. La Veranda’s Willems Crelan attraverso i social network, ha confermato il ritiro del giovane Goolaerts in seguito ad una caduta e portato in ospedale dove è attualmente con i medici. (Continua a leggere dopo la foto)







Michael Goolaerts è uno dei ciclisti belgi della nuova generazione degli under 24 (a luglio compirà 24 anni), di belle speranze, che da tre stagioni rappresenta uno dei punti fermi del team belga professional Vérandas Willems-Crelan. Ha vinto una sola gara in carriera, nel 2016 nel Tour della Loira, ma è uno stakanovista del ciclismo professionistico, avendo corso già più di trenta corse nei primi tre mesi di gare. (Continua a leggere dopo le foto e il video)





 

Prima della Parigi-Roubaix aveva corso un’altra Classica Monumento, il Giro delle Fiandre e poi anche la Gand-Wevelgem, sempre in Belgio. L’incidente a Goolaerts è accaduto una ventina di chilometri prima che la Roubaix arrivasse nel tratto più famoso del suo percorso, la Foresta di Arenberg, a meno di cento chilometri dall’arrivo.

 

Ti potrebbe interessare anche: È morto nella notte. Tragedia nel mondo della musica. Aveva solo 33 anni ed è stato stroncato da un infarto. Inutili i tentativi di rianimarlo. Colleghi, familiari e fan sotto choc

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it