“Abbiamo trovato questa foto a terra”. Lo scatto diventa virale, ma poco dopo spunta la verità: è una fake news


L’ennesima fake news è servita. In queste ore sono apparsi sulle bacheche social centinaia di post con questa didascalia, accompagnata da uno scatto: “Abbiamo trovato questa foto per terra nel parcheggio del supermercato X, cerchiamo i proprietari”. Peccato che sia l’ennesima bufala che sfrutta oltretutto un’immagine della saga cinematografica “Ritorno al Futuro“ molto famosa.

Il post circola soprattutto tra i gruppi Facebook legati alle comunità locali e suona sempre più o meno allo stesso modo: si inscena un ritrovamento casuale, solitamente a terra e nelle vicinanze di un supermercato noto al vicinato coinvolto, e si chiedono informazioni tramite la foto rinvenuta. “Ho trovato questa foto per terra vicino al supermercato Eurospin. Sarà sicuramente caduta a terra a qualcuno, condividetela per aiutarmi a trovare il proprietario”, è la frase che circola assieme all’immagine di una coppia sorridente. (Continua a leggere dopo la foto)








Gli utenti più attenti e appassionati di cinema però hanno riconosciuto subito i due volti ritratti: sono i genitori di Martin McFly, protagonista di “Ritorno al Futuro”, appunto. Ma in tanti, ignari della cosa, continuano a condividerla taggando amici e conoscenti. (Continua a leggere dopo la foto)








Non c’è quindi alcuna foto persa da restituire piuttosto la trovata di qualcuno che voleva fare uno scherzo. Tantissime le persone di buon cuore e decisamente poco sveglie (si capisce dalla modalità in cui viene presentata che si tratta di un qualcosa di assurdo) che hanno condiviso il post rendendolo virale. Ma non solo Facebook, anche Whatsapp è pieno di foto come questa. Ma perché lo fanno? (Continua a leggere dopo la foto)

 


La risposta non è semplice: c’è chi ci guadagna popolarità, chi lo fa solo per divertirsi per qualche amico e farsi due risate. Si tratta di notizie false ma non pericolose, niente a che vedere con tutte quelle circolate riguardo il Coronavirus e più volte riportate da capi di Stato come Bolsonaro e Trump. Insomma, c’è fake news e fake news, tutto sta è saperle riconoscere e nel dubbio chiedere al nipote o al giovanotto sveglio sotto casa.

Ti potrebbe anche interessare: “Non inquadratela!”. Flavio Insinna, momento di imbarazzo a L’Eredità

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it