“Ecco perché sono ingrassato così tanto”. La confessione di Bobo Vieri: “Cosa mi sta succedendo”


Anche Bobo Vieri è in quarantena e anche lui, come tanti italiani, ha messo su qualche chilo di troppo a causa del Coronavirus. È stato lo stesso marito di Costanza Caracciolo ad ammettere la situazione, sottolineando che non è facile restare in casa tutto il giorno ed evitare di lasciarsi andare ai piaceri della tavola.

Ci avevano fatto caso in tanto: Vieri, inoltre, deve badare a due bambine molto piccole: la primogenita Stella ha solo un anno e mezzo mentre l’ultima arrivata, Isabel, è nata lo scorso marzo. Christian sta cercando di distrarsi con le dirette Instagram: ogni giorno si collega con altri calciatori famosi, ex colleghi con i quali ha mantenuto un ottimo rapporto nel tempo. “Non è facile questo periodo. (Continua a leggere dopo la foto)






È già un mese che stiamo in casa con due bambine piccolissime e cerchiamo di far passare loro il tempo. Ormai ho raggiunto 106 kg, aumento tutti i giorni. Se riesco a tornare a 95 kg sarebbe fenomenale, ma mi dovrei mettere a dieta e fare più esercizi. In questo momento però sono pigro”, ha dichiarato Bobo Vieri a Porta a Porta di Bruno Vespa, dove è intervenuto in collegamento. (Continua a leggere dopo la foto)








Ma non è di certo l’unico: una situazione simile a tanti italiani. Secondo un report della School of management del Politecnico di Milano in questi mesi è peggiorata la qualità del sonno e c’è la tendenza a consumare più cibo per placare l’ansia. Dopo la nascita di Stella, Vieri ha lasciato Miami ed è tornato a vivere a Milano con Costanza Caracciolo. (Continua a leggere dopo la foto)

 


Cosa c’è all’orizzonte? Il futuro è un’incognita, come puntualizzato in un’intervista concessa al Corriere della Sera: “Ora sono a Milano, chiuso in casa da 40 giorni per il Coronavirus. Ma essendo diventato padre per la seconda volta avevo scelto di rimanere in Italia. Poi si vedrà. Mai ipotecare il futuro“.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, vaccino in Italia: tempi si riducono. “Test in estate, poi su larga scala”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it