Amanda Lear spopola su Twitter, il nome della diva degli anni ’70 e ’80 fa il giro del social e i fan impazziscono: ”Oddio, ma che succede?”. Ma poco dopo arriva la sorpresa


 

Amanda Lear ‘trend topic’ su Twitter. In molti, vedendolo, hanno pensato che le potesse essere accaduto qualcosa di brutto nell’ultimo giorno dell’anno che ha visto la scomparsa di molti personaggi del mondo dello spettacolo. E, invece, l’icona pop-rock sta benissimo. “Considerato l’andazzo del periodo, ho temuto seriamente” scrive un utente, mentre un altro è ancora più esplicito: “Vedendo Amanda Lear tra le tendenze, credevo che il 2016 si fosse portato via pure lei …Invece si tratta solo di una canzone”. “Ormai, in questo periodo, i nomi in tendenza su Twitter fanno preoccupare” aggiunge una ragazza. A provocare il frastuono di cinguettii e il conseguente fraintendimento, sono stati i Baustelle con il loro nuovo singolo dal nome, appunto, di ‘Amanda Lear’, estratto dall’album ‘L’amore e la violenza’, da oggi in radio, e in uscita il 13 gennaio del 2017. “”Pensavo fosse morta anche lei e, invece, erano solo i Baustelle”. (Continua a leggere dopo la foto)



La showgirl, modella e icona pop-rock degli anni ’70 e ’80 è viva, vegeta e sta bene. ”Vedo in tendenza #AmandaLear e mi piglia subito l’ansia ed invece sono i @Baustellemusic”, aggiunge un altro, e ancora: ”E no, non preoccupatevi, è viva e vegeta. Anzi, la potete ascoltare su Spotify o…”, ha cinguettato su Twitter un’altra fan tirando un sospiro di sollievo. Il brano è il primo singolo estratto dall’album “L’amore e la violenza”, il nuovo album della band toscana composta da Francesco Bianconi, Rachele Bstreghi e Claudio Brasini è in uscita il prossimo 13 gennaio.

(Continua a leggere dopo le foto)


 

”Amanda Lear ha un plot molto semplice: – si legge sul post pubblicato dalla pagina ufficiale dei Baustelle – lei ama lui e lui ama lei, ma lei ripete ogni giorno che ‘niente dura per sempre’. Lui prende la massima di lei abbastanza alla lettera e decide di tradirla con la prima che passa. Il tutto è volutamente scomposto e raccontato fra presente e flashback, perché, ormai lo sanno tutti, ci sono sempre piaciute le canzonette-sceneggiatura. E Amanda Lear che c’entra? È una donna magnifica, una parola tronca spettacolare, e una azzardata similitudine (l’amore è come un LP di disco music, si balla il lato A, si balla il lato B, e chi s’è visto s’è visto). Amanda Lear c’entra e non c’entra, c’è e non c’è, come ogni dio che si rispetti”.

Dal successo ”Voulez vous un rendez vous tomorrow” sono passati 27 anni. Poi, per Amanda Lear, c’è stata la tv e il teatro. Ma che fine ha fatto? Oggi torna con un video (tutto da vedere) e una notizia bomba: ecco cosa farà