Ha i denti giallini e vuole farli diventare bianchi e splendenti così fa ciò che fanno tutti i suoi amici. Ma i risultati sono disastrosi e, dopo un’ora, si ritrova con il viso deturpato. Roba dell’altro mondo


 

Voleva solo sbiancarsi i denti e avere un sorriso di quelli da star. Ma qualcosa non è andato come doveva e Abbie Kilbride, 18 anni, dal Regno Unito, si è ritrovata con il volto deturpato. Labbra gonfie, rosse, doloranti e un’ustione di terzo grado in bocca. Ma come è potuto succedere? Molto semplice: la colpa è stata tutta di un prodotto sbiancante non professionale che la ragazza ha usato a casa di una donna dalla quale erano andati a farsi sbiancare i denti alcuni suoi amici. Dopo il fattaccio, per mettere in guardia tutti, la ragazza ha raccontato la sua esperienza su Facebook e il suo post, in breve tempo, è diventato virale. Come ha raccontato in rete, ma anche in un’intervista al Daily Record, la ragazza è andata a casa di questa donna alla quale si erano rivolti anche tanti dei suoi amici e si è sottoposta alla procedura. Ci è voluta circa un’ora in totale. Ogni 10 minuti la donna aggiungeva un po’ di sbiancante ai denti della ragazza. Alla fine della procedura, però, la ragazza si è accorta che qualcosa non andava. Continua a leggere dopo la foto

 



Alla fine del trattamento, infatti, Kilbride ha sentito la bocca intorpidita. ”Ho pensato che fosse normale dal momento che avevo tenuto quel prodotto in bocca per molto tempo – ha scritto nel suo lungo post – poi, però, mi sono specchiata e ho visto che la mia bocca era gonfia e faticavo a parlare. Poi sono tornata a casa, ho messo del ghiaccio sulle labbra e dell’antistaminico”. Ma non è sufficiente. Il giorno seguente Abbie si sveglia con le labbra in condizioni disastrose: gonfie e attaccate tra loro. Così decide di rivolgersi a un medico che le prescrive dell’antistaminico. Ma il giorno seguente si risveglia con delle grosse vesciche in bocca. Continua a leggere dopo le foto

 



 

”Non potevo aprire la bocca per parlare, mangiare e fare nulla. Avevo la sensazione che le gengive fossero staccate dal resto della bocca”. Allora decide di andare da un dentista che le fa una diagnosi: ustione di terzo grado in bocca. Cioè una possibile reazione allergica al trattamento chimico sbiancante. Ora la ragazza si è sottoposta a una cura speciale ma è costretta a mangiare solo uova strapazzate e minestra. Della serie: i trattamenti sbiancanti devono essere effettuati da esperti: è praticamente impossibile avere reazioni simili se si va da un professionista. Lo ha detto chiaro e tondo Susan Maples, autrice del libro ”77 Secrets Only Your Mouth Can Tell You to Live a Healthier, Happier, Sexier Life”. Ma qual è stato il vero problema di Abbey? Probabilmente la sostanza usata ma anche il tempo di posa che, ”se è troppo lungo può provocare ustioni e gonfiori”, ha fatto sapere Martha Cortes. L’importante? Rivolgersi solo a persone esperte, mai andare da ”medici” improvvisati. 

Leggi anche: Sbiancare i denti (in 3 minuti) con la curcuma, ecco come preparare l’impasto magico che rinnova il sorriso