“Il mio terrore più grande”. Francesco Renga a cuore aperto: commozione e lacrime


Francesco Renga a cuore aperto. Il cantante scende in campo per la sua Brescia, una delle città che maggiormente sta pagando lo scotto dell’emergenza coronavirus. Insieme a Bergamo infatti, Brescia è una delle province più colpite della Lombardia: epicentro dell’epidemia. Francesco Renga ha spiegato che la situazione è più devastante di quello che si crede.

Il numero di morti è calato, questo però non significa che si può uscire tranquillamente, che si può ritornare alla vita che abbiamo momentaneamente accantonato. Renga ha spiegato che è in apprensione per i propri figli perché si trovano lontani: prima della quarantena, sono partiti per la montagna assieme ad Ambra Angiolini. Stanno tutti bene. Continua dopo la foto








Attraverso una diretta fatta da Billboard Italia, Francesco Renga ha rivelato che, attualmente, c’è un altro grave problema da risolvere al più presto: “Qui c’è un’altra emergenza pericolosa: l’emergenza sociale. La gente non ha denaro per fare la spesa. SOStieni Brescia è stata creata per dare una mano”. SOStieni Brescia ha come testimonial Francesco Renga, Ambra Angiolini e Fabio Volo, e ha come obiettivo quello di raccogliere fondi per aiutare i malati e coloro che non hanno i soldi necessari per i beni di prima necessità. Continua dopo la foto






Nella tragedia (causata dal Coronavirus), Francesco Renga ha riscoperto la compassione umana: “Un sentimento nuovo. Spero che ci migliori tutti. Sono stato fortunato perché i miei figli erano partiti per la montagna assieme alla mamma. Avevo capito che qua stava succedendo davvero un ca…o”. Continua dopo la foto



 


Poi continua: “Da padre mi preoccupo se non riesco a raggiungere i miei figli. Io avevo le finestre chiuse per la paura. Sì, avevo paura di ammalarmi. Chiamavo i miei compagni dei licei, molti sono dottori e mi dicevano che non si capisce nulla“. Il suo sogno più grande è quello di cantare per i suoi fan: “Spero che si possa ritornare a fare concerti prima di Natale. Vorrei fare concerti in inverno, anche se il mio terrore più grande è che si posso ripresentare in inverno”.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus, sposati da 50 anni muoiono a pochi minuti l’uno dall’altra

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it