Sesso e choc al bar. La barista dietro il bancone che ‘si diverte’ con quei due. Torna il proprietario, li becca così e scoppia il caos, compreso quello che succede subito dopo su Facebook


Siamo a Chioggia e quello che è capitato in questo bar non è di certo una novità, se non fosse che dietro a quel bancone a far l’amore erano in tre: due clienti e la barista. Un manage-a-trois vero e proprio in orario lavorativo. E il titolare del bar “Caffè e Cicchetti”, accanto al Duomo, non l’ha presa proprio benissimo quando ha visto la sua dipendente amoreggiare in quel modo, utilizzando le telecamere di sorveglianza a circuito chiuso dalla stanza accanto. “Guardate ‘sti bifolchi – ha scritto il veneziano gestore del bar su Facebook postando le foto dei tre in atteggiamenti amorosi presa dal video – io mi spacco 20 ore al giorno di lavoro e guardate cosa fanno loro che tirano cocaina mentre io pitturo la saletta”. Parole pesanti e foto inequivocabili. Di tutta risposta il giorno dopo la barista padovana avrebbe pubblicato delle immagini del volto tumefatto dando la colpa delle botte proprio al titolare che respinge al mittente le accuse. Sui fatti sta indagando la polizia di Chioggia, che ha sequestrato le registrazioni dell’impianto di sorveglianza a circuito chiuso per chiarire la dinamica. Ma il dettaglio che rende la notizia frizzante è il fatto che la barista stesse “intrattenendo”, non due ragazzi, ma una coppia fidanzata (uomo e donna). (Continua dopo la foto)



Il titolare, seppur con il profilo Facebook bloccato dalla polizia di Chioggia, non si è dato per vinto e ha cominciato ad usare la pagina social del locale come valvola di sfogo. “Mi sento umiliato come mai in vita mia. Non ferito non male non schifato. Ma umiliato. Umiliato come persona. Come uomo. Come gestore. Come barista. Come maschio. Come tutto. Non ho altro da dire. Ringrazio veramente di cuore chi ha avuto un pensiero. Alcuni li ho addirittura visti e mi sono confidato come non mai. Altri li ho sentiti per messaggio. Alcuni per telefono. È bello a volte sentirsi importanti o comunque apprezzati. Grazie di cuore a tutti”.

(Continua dopo le foto)


 

 

 

Fa sorridere poi il post del divano: “Regalo divano letto in ecopelle modello Tokyo col.bianco acquistato su mondoconvenienza a euro 249. Presente una piccola bruciatura di sigaretta. Non escludo possano essere presenti anche tracce organiche poiché usato per orgia. Da pulire per sicurezza (eventualmente coi soldi che risparmiate fategli anche un test per l’HIV). Completo di 2 cuscini. Che poi perché ne hanno messo solo due, potevano metterne almeno TRE no?! Annuncio serio, gradita condivisione”. Beh, di certo ha le idee chiare, non c’è che dire.

Ti potrebbe anche interessare:  “Ma che schifo… Fermateli”. Presi dall’eccitazione più totale, sotto gli occhi dei passanti sbigottiti, questi due giovani (probabilmente reduci da una lunga astinenza) si spogliano, si avvinghiano e iniziano a fare sesso