“Il sesso? Faccio tanta fatica e godo poco”. Mai scontato, ecco il noto personaggio televisivo parlare della sua sfera più intima. “Poi le posizioni, che disastro”


 

C’è chi definisce il sesso la dieta migliore. Chi un toccasana per l’umore. Chi, invece, la panacea per tutti i mali. Ma siccome, al momento, il mondo conta quasi 7 miliardi e mezzo di persone, risulta difficile immaginare un pensiero omologato e omologante, anche se l’argomento è il più piacevole che si possa immaginare (dal punto di vista carnale, per lo spirito solo in parte). Nessuna sorpresa, c’è chi ha contestato il nobel a Bob Dylan pur non avendo mai scritto una canzone, e chi si permise di consigliare a Sacchi di mettere Rijkard fantasista e Roberto Baggio esterno di centrocampo. Va da sé, che lo stupore (a parte quello dei nervi successivi a un intervento chirurgico) sia emozione superata come la Ferrari di Raikkonen. Chiuso il piccolo preambolo, veniamo al sodo: in un’intervista rilasciata a Maurizio Costanzo, la versione maschile di Barbara D’Urso ormai (come share e popolarità si intende) Vittorio Feltri, direttore di Libero e ex prima penna de Il Giornale, ha affrontato il tema del sesso nella terza età. (continua dopo la foto)








Il giornalista, incalzato dal camiciatissimo conduttore ha spiegato la sua particolare visione dei rapporti di coppia: “Difficile organizzare una serata in cui si possa consumare – ha detto- e il più delle volte si rinuncia per evitare tutta questa fatica” (quanta bellezza nell’otium). “Anche perché – aggiunge Feltri – poi la situazione è la solita: la fatica è tanta, il piacere dura poco e la posizione è ridicola”. Sulla durata del piacere, la gamma di prodotti sul mercato per aumentarlo è talmente ampia che non basterebbe un catalogo di idee natale.

(continua dopo la foto)






Sul secondo problema, la chiesa di Roma impose ai nativi americani la posizione del missionario come unica adatta all’accoppiamento umano (eh si, anche gli alti prelati della cattolicità ritenevano ridicole alcune delle posizioni più artistiche del vocabolario sessuale). Almeno un problema è risolto.

“Non c’è nessuna come lei”. La pubblica “dichiarazione d’amore” a sorpresa di Vittorio Feltri lascia tutti senza parole. Chi è la fortunata? Semplice, la signora della televisione italiana…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it