Che gaffe! Mentre le terra trema ancora, arriva il post che scatena la bufera. Ora non c’è più traccia sul suo profilo ma sono bastati pochi secondi per scatenare la rete. Costretto a chiedere scusa, ma ormai la frittata è fatta…


 

Sul suo profilo Twitter non c’è più traccia, ma è bastato pubblicarlo in rete per scatenare, in pochi minuti, l’ira di centinaia di utenti. Fa discutere il tweet postato ieri dal senatore M5S, Andrea Cioffi, dopo le forti scosse di terremoto che si sono registrate nel Centro Italia. “A Roma due forti scosse di terremoto in due ore – cinguettava Cioffi – Il Senato ha retto benissimo, reggerà anche alla deforma di Renzi”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 



“Vergognoso”, “sciacallo”, “dimettiti” ha replicato subito il popolo della rete, stigmatizzando il gesto sui social e costringendo il senatore a cancellare il tweet in una manciata di minuti.

(Continua a leggere dopo i post)

 

“Mi scuso pubblicamente per il precedente tweet – ha poi scritto Cioffi – Non volevo mancare di rispetto a nessuno. Esprimo vicinanza alle persone colpite dal #terremoto”.

Caffeina News by AdnKronos

www.adnkronos.com