Attenzione: una vostra comunissima foto postata sui social diventa porno. Se ne stanno accorgendo moltissimi utenti, soprattutto donne. E spesso sono i vostri amici a farlo, per poi metterle sul web


Cosa provereste trovandovi di fronte a vostre immagini private, scattate in compagnia di amici, parenti o fidanzati, finite senza alcun consenso su un sito di natura prettamente pornografica per alimentare le fantasie degli utenti? Una domanda che sembra perfetta per la tagline di un film provocatorio e che invece forse faremmo meglio a farci tutti, vista la recente piega che il mondo dell’hard virtuale sembra incline a prendere. Vedere per credere quello che succede sul sito 4Chan, dove non è raro imbattersi in immagini apparentemente banali buone però per alimentare pensieri non troppo casti né tanto meno puri.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Come scrive l’Indipendente, basta cliccare sulla categoria “Adult Requests” per scoprire che esistono persone che pubblicano foto di amici o conoscenti chiedendo poi ad altri internauti di photoshopparle per aggiungere nudità o elementi pornografici. “Spoglieresti mia cugina?” scrive uno”, “Per favore, ‘nudeshop’ della fidanzata del mio amico” aggiunge un altro.

(Continua a leggere dopo la foto)

 


 

La maggior parte delle persone che si appella al popolo della rete per soddisfare questo tipo di esigenze lo fa solitamente per il solo desiderio di vedere ragazze e ragazzi senza veli. Qualcuno chiede addirittura di manipolare foto di mogli, fidanzate o parenti prossimi, spiegando alle volte anche il perché della sua richiesta.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

Altri, invece, ricorrono a questo strumento con scopo vendicativo: “Questa str*** ha insultato la mia ragazza” e via, a chiedere ritocchini virtuali per generare immagini erotiche della persona in questione. Non mancano i feticisti, ovviamente, come quelli che riversano le loro attenzioni sui piedi dei soggetti.

A 3 giorni dal parto, pubblica questa foto e gli utenti del web si scatenano: ”È pornografia”. In realtà il significato di quello scatto era ben altro…