Modelli (e modelle) vestiti di tutto punto, in abiti eleganti o con indosso biancheria sexy all’ultimo grido. Belli e sorridenti, eccoli sdraiati comodamente in una bara, con tanto di fiori intorno. No, nessuna tragedia: si tratta di una moda


 

C’è chi, stando a delle bizzarre quanto macabre ricerche di mercato svolte di recente nel Regno Unito preferirebbe farsi seppellire con in testa un cappellino da baseball. E chi più semplicemente non vorrebbe rinunciare alle ciabatte anche dopo aver esalato l’ultimo respiro. In totale, oltre l’85% ha già ben scolpito in testa gli abiti da indossare per il fatidico momento, pronti a mettere mano al portafogli per soddisfare i propri desideri. A condurre l’indagine, come riportato dal Daily Mail, una compagnia fashion che si prepara a lanciare la sua nuova linea dal nome, un po’ sinistro, “Over My Dead Body”.

(Continua a leggere dopo la foto)







Poteva mancare un catalogo con modelli e modelle, vestiti di tutto punto, sdraiati all’interno di una bara? Ovviamente no, e allora ecco spuntar fuori le immagini che hanno fatto subito il giro del web, nonostante le proteste di qualche utente particolarmente scaramantico che non sembra gradire affatto l’operazione e invita i lettori a fare i dovuti scongiuri.

(Continua a leggere dopo la foto)

 




Per chi fosse interessato, comunque, i sondaggi mostrano come le signore preferiscano un’uscita di scena di gran classe: il 52% vorrebbe indossare per la grande occasione abiti firmati d’alta moda, mentre una minoranza opta per indossare qualcosa di gotico, così da dare alla cerimonia funebre un tocco in più.

(Continua a leggere dopo la foto)


Gli uomini, invece, sembrano più orientati verso un abbigliamento sportivo o casual e in tanti, per rendere più piacevole il soggiorno nell’aldilà, sognano di finire sotto terra scalzi o con delle pratiche pantofole. De gustibus…

“È magra in modo non sano”. La modella è troppo “sottile” e ha le ossa in evidenza e il noto brand di moda (italiano) finisce nella bufera. Guardate le foto e giudicate voi…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it