“Fammi una foto”. Bush, l’ex presidente degli Stati Uniti, non riesce a farsi un selfie e chiede una mano. A chi? Beh, la scenetta è tutta da ridere e il video ha fatto il giro del mondo. Da non credere


 

Un episodio che non ti aspetti e che ha fatto ridere e sorridere mezzo mondo. Perché i protagonisti sono loro due. “Ecco il momento in cui l’ex presidente Bush ha chiesto al presidente Obama un piccolo aiuto per scattarsi un selfie”. E’ quanto raccontato in un tweet della ‘Cnn’ che, in poche ore, ha già raggiunto oltre 1.000 ‘Like’. Nel filmato si vede George W. Bush (ex presidente degli Usa e predecessore di Obama) che cerca di scattarsi una foto ma, non riuscendo a tenere il proprio smartphone ad una distanza utile, ‘bussa’ sulla spalla all’attuale inquilino della Casa Bianca per farsi aiutare. 

Il siparietto è avvenuto sabato, durante la cerimonia di apertura del Museo Nazionale di cultura e storia afro-americana Smithsonian di Washington.

(Continua a leggere dopo il video)

 

 

“Ehi, ti dispiace?”. Ha fatto sorridere i media di tutto il mondo il siparietto andato in scena ieri a Washington nel corso dell’inaugurazione del primo museo nazionale della storia afroamericana al National Mall della capitale Usa. L’ex presidente americano Geroge W.Bush, repubblicano e quindi avversario di Batrack Obama, ha provato prima a scattare una selfie con una sostenitrice. Poi, non riuscendoci, ha chiesto aiuto proprio a Obama che, senza scomporsi più di tanto, si è prestato al ruolo di fotografo. Una scena che non è sfuggita a Pete Souxza, fotografo personale del presidente in carica e autore di alcuni degli scatti più belli del suo doppio mandato, che su Twitter ha scherzato pubblicando la foto dal suo punto di vista e commentato: “Qualcuno sta cercando di farmi sentire superato”.

(Continua a leggere dopo il tweet)

 

Ma è un’altra istantanea ad avere conquistato le attenzioni dei fotografi. Un insolito abbraccio, quasi materno, riservato dalla First Lady Michelle Obama proprio alla stesso Bush.

 

Ti potrebbe interessare anche: Quella volta che Gorbaciov chiamò Bush: “Dimmi chi ha ucciso Laura Palmer”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it