“Tuo padre era un attore vero, i figli non sempre sono all’altezza…” Pesantissima accusa rivolta ad Alessandro Gassmann, toccando un tasto assai dolente. L’attacco arriva proprio da lui (per vendetta)


 

Le guerre mediatiche ormai, si sa, si svolgono prevalentemente sui social. C’è chi utilizza questo mezzo per esprimere opinioni, chi per attaccare in modo velato e chi, come Alessandro Gassmann, non le manda di certo a dire. Uno dei suoi bersagli preferiti, ormai lo abbiamo capito, è il leader della Lega Nord Matteo Salvini. Ma l’attore romano ha trovato sulla sua strada un altro che le polemiche non le smorza e, anzi, adora stare a questo gioco. Così, dopo il tweet al veleno di Alessandro che aveva commentato la Brexit con una foto del leader del Carroccio, immortalato durante una smorfia con sotto scritto: “Anche noi, come gli inglesi, abbiamo una via chiara e sicura per uscire dall’Ue” (seguito dall’hashtag velenoso: #mancolicani), ecco pronta la replica di Salvini.

(Continua a leggere dopo il tweet)








 

Una critica alla Lega Nord e alle sue esultanze dopo la vittoria del “leaver” al Brexit che Salvini non ha mandato giù. Alla fine su Twitter è scappata la corsa al retweet per far in modo che il leader del Carroccio prima o poi rispondesse all’attore. E alla fine la risposta “piccata” è arrivata con #Rosicone.

(Continua a leggere dopo il post)

 

“Leggo che Alessandro Gassmann, dopo la Vittoria della Brexit, ha twittato una mia foto insultandomi con la scritta #mancolicani. Dovrei prendermela? No, ci rido sopra pensando al grande Vittorio, lui sì un grande attore. Non sempre i figli sono all’altezza dei padri. #Rosicone”. Lo scrive su Facebook Matteo Salvini, segretario della lega nord. Attendiamo la controreplica? Certo che il leader politico ha scelto una via piuttosto “cattiva” per replicare, citando il grande Vittorio Gassmann e alludendo a quello che più o meno credono tutti, ossia che il figlio non è all’altezza in termini attoriali di suo padre, mostro sacro del cinema. 

 

Ti potrebbe interessare anche: “Sappiamo da dove prendi i soldi”. I servizi segreti americani accusano Matteo Salvini e Lega Nord: “Ecco chi li finanzia”

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it