Il volto ricoperto da penne, matite, evidenziatori: ma perché questa ragazza è ”combinata” così? Cosa le è successo? La risposta vi spiazzerà (e vi lascerà assai perplessi). Ma è tutto vero


 

Tutto è iniziato per ‘’colpa’’ – o per merito – di Lauryn, una 16enne inglese che, un bel giorno, annoiata dallo studio, ha lanciato un giochino che, dopo poco, è diventato un cult. Stranamente. Perché, in effetti, è piuttosto bizzarro. Ma non lasciatevi condizionare da noi, piuttosto, giudicate da soli…

(Continua a leggere dopo la foto)







‘’Stavo cercando di studiare, ma poi ho cambiato idea: ho deciso che voglio scoprire quante penne riesco a tenere in testa’’ ha scritto su Twitter. E ha postato una foto di lei con la faccia ricoperta di penne. 

La sua amica Rebzy ha risposto prontamente e la cosa è andata avanti per un bel po’. Alla fine, dopo infiniti rilanci, a vincere è stata Rebzy che ha battuto ogni record (ce ne erano?): ha tenuto in faccia 242 penne. 

‘’Non pensavo che questa cosa fosse così divertente – ha raccontato Lauryn a Femail – e soprattutto non pensavo che Rebzy mi avrebbe battuta’’. 

Entusiasta di questa buffa sfida anche la vincitrice Rebzy: ‘’È diventata un’ossessione e facciamo fatica a smettere di metterci penne in faccia’’. Le ragazze sono partite con poche penne poi il gico si è fatto serio e hanno cercato gli stratagemmi più disparati per riuscire a tenerle di più. Per esempio, mettendo il lucidalabbra, sulla bocca restano incollate più penne. Ma anche mettendo una bandana in testa. 

Le due ragazze volevano solo divertirsi ma hanno fatto di più: sono state notate dal loro idolo, il cantante e musicista Tyler Joseph, che ha apprezzato il loro modo buffo di sfidarsi. Sono andate in brodo di giuggiole e hanno capito che tutto quello che avevano fatto – anche se non sembrava – un senso lo aveva eccome. 

Se credete che sia facile, provate anche voi. E resterete delusi: non ci riuscirete… 





 

Bello (forte) e pure bravo, la nuova sfida di David Gandy: fare affari con la tartaruga

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it