Anche se non lo ammettete, pure voi navigate spesso sui siti porno. Ma fate molta attenzione, ecco l’ultimo allarme lanciato proprio dalla polizia…


 

Quasi tutti non ammetteranno mai di farlo veramente, ma si sa che la stragrande maggioranza delle persone (uomini e donne) in realtà naviga abbastanza frequentemente alla ricerca di video hard sui siti porno più conosciuti. Ma navigare su questi siti può essere molto pericoloso. Basta infatti un click di troppo per ritrovarsi vittime di truffe informatiche che sfruttano il punto debole degli utenti, preoccupati della privacy e spaventati all’idea che le loro identità vengano svelate: i criminali informatici infatti inseriscono banner con finti messaggi della Polizia di Stato che richiede il pagamento di una multa.

(Continua a leggere dopo la foto)







A lanciare l’allarme la stessa Polizia, tramite il profilo Facebook “Una vita da social” dopo aver raccolto la segnalazione di un utente. Il messaggio avverte che i “dati sono stati presi” e che di conseguenza potrebbero arrivare all’utente “multe-avvisi di garanzia”. È possibile che mi arrivino multe o altro, dato che i siti sono chiaramente legali?”, si chiede l’utente. La risposta della Polizia di Stato è chiara: “Non c’è nulla di vero”.

(Continua a leggere dopo la foto)






Si tratta dei soliti messaggi che vengono mostrati dal browser per cercare di far spaventare gli utenti e portarli ad un pagamento di denaro. Nella maggior parte dei casi, per risolvere, basta chiudere il browser terminando l’operazione (task manager se il browser non si chiude) altre volte potrebbe capitare che all’interno del PC ci sia qualche virus. Se nel PC c’è un virus questo non si limita ad un semplice messaggio a video ma blocca direttamente il computer e l’account. “Una vita da social” poi propone un rimedio semplice e valido. In ogni caso conviene effettuare una scansione antimalware per verificare se nel PC c’è qualcosa di malevolo. A tal proposito se avete Windows 8.1 o Windows 10 è consigliato WINDOWS DEFENDER, se avete un sistema operativo più vecchio tipo Windows 7 o Windows Xp è consigliato l’utilizzo di adwcleaner o combofix.

 

 

“La gente va sui siti porno? Noi li seguiamo”. La scelta controcorrente di un noto marchio della moda ha già spaccato in due il pubblico. Che ne pensate?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it