WhatsApp, sta accadendo proprio in queste ore. Non cliccate se vi arriva questo curioso messaggio: ecco cosa potrebbe succedere…


State attenti, da qualche giorno su WhatsApp sta girando un messaggio che invita gli utenti iscritti alla piattaforma a partecipare ad un’estrazione a sorte che permette di vincere un iPhone 6S. Avete capito bene, uno smartphone di ultima generazione. Tutti gli utenti che ricevono questo messaggio sono invitati a prestare la massima attenzione perché si tratta (naturalmente) di una truffa che, sfruttando il brand del noto portale di e-commerce Amazon, ha l’obiettivo di rubare i dati sensibili degli utenti come carte di credito e password.

(continua dopo la foto)







Ad annunciare questa nuova truffa su WhatsApp Messenger la Pagina Facebook della Polizia di Stato “Una vita da social”, un’idea nata per tutelare gli utenti presenti sui social network dalle truffe online. Come si legge nel post pubblicato nelle ultime ore sulla Pagina Facebook Una vita da social: “Su ?‎WhatsApp? potrebbe giungervi un messaggio che vi avvisa di un’estrazione a sorte, decisa da Amazon, per regalare 300 iPhone 6S immagazzinati in Italia ma invendibili per la pessima situazione degli imballaggi. Cliccando sullo shortlink si viene reindirizzati a un sito apparentemente uguale ad Amazon. Molto simile anche nel nome, visto che quello del sito truffa è “Avazon”.

(continua dopo il post)

Inutile dire che Amazon non ha nulla a che fare con questo messaggio, così come sottolineato anche dal post pubblicato dalla Polizia di Stato su Facebook che invita gli utenti a non aprire link provenienti da contatti sconosciuti tramite servizi di instant messaging come WhatsApp: “Diffidate da questi messaggi sospetti, soprattutto su canali così inusuali: Amazon di certo non verrà mai a cercarvi per scongiurarvi di accettare un iPhone 6S in regalo…”. Suvvia, non ci vuole un genio per capirlo… 

 

Addio, WhatsApp! Mark Zuckerberg ha annunciato la morte del servizio di messaggistica più utilizzato al mondo: ecco cosa useremo al suo posto. Possibile che nessuno se ne sia accorto?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it