Nadia Toffa cittadina onoraria di Taranto: ”È nata una cosa meravigliosa”


Per il suo impegno e la sua solidarietà verso il reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale SS. Annunziata, Nadia Toffa ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Taranto. La cerimonia è stata celebrata questa mattina intorno alle ore 9.30, all’interno del Salone degli Specchi di Palazzo di Città. Nadia ha ricevuto questo importante riconoscimento per il suo grande impegno solidaristico e altruistico, ma soprattutto per la sua attività svolta a sostegno del reparto di pediatria oncologica dell’Ospedale Ss Annunziata di Taranto.

Per l’occasione Nadia Toffa è stata raggiunta da “Mattino Cinque”: “Sono orgogliosa di essere diventata tarantina, è una città bellissima, che è stata martoriata, ci sono quartieri dove si respirano polveri e i bambini non possono giocare all’aperto. Però so già che saprà rialzarsi perché i tarantini sono fortissimi”. Per lei sostenere i bambini dell’ospedale ha significato molto e ha aiutato anche se stessa. Sa bene cosa stanno passando e, proprio per tale motivo, non ha potuto fare a meno di aiutarli. (Continua a leggere dopo la foto)








Nadia ha presentato anche il suo libro “Fiorire d’Inverno. La mia storia“, in cui racconta la sua lotta contro il cancro che l’ha colpita un anno fa. Edito nello scorso ottobre per i tipi di Mondadori, nel libro “Fiorire d’Inverno. La mia storia” Nadia si racconta: “la malattia, l’avere bisogno di aiuto – ha spiegato – mi hanno costretto a riprendere contatto con la mia parte più tenera e indifesa, quella più umana. Da piccola mi piaceva camminare sui prati imbiancati dalla neve e quando ero fortunata mi imbattevo in una famiglia di bucaneve. I loro boccioli, in apparenza fragili e piegati verso il basso, erano capaci di compiere un miracolo, fiorire in inverno“. (Continua a leggere dopo la foto)





Il provvedimento fa seguito all’approvazione, nel febbraio scorso, della mozione presentata dal consigliere Marco Nilo, che aveva raccolto la sollecitazione di centinaia di cittadini, espressa personalmente o con appelli lanciati attraverso i social network. Nadia Toffa è stata madrina della campagna di vendita delle magliette ‘Ie jesche pacce pe te’ che ha unito i cittadini nella raccolta di fondi per la oncologia pediatrica. La conduttrice televisiva più volte si è occupata delle problematiche ambientali di Taranto.  (Continua a leggere dopo la foto)


 


Dal 20 gennaio tornerà poi alla guida delle Iene (sempre affiancata, a rotazione, da Giulio Golia, Filippo Roma e Matteo Viviani) in prime time su Italia 1. “A chi mi vuole morta invece dico che c’è qualcuno molto più in alto di noi che decide per noi; e io rispetterò il Suo disegno per me, come chiunque altro”. Nadia Toffa, da tempo in lotta contro un tumore, si trova nuovamente a rispondere agli hater. La conduttrice e inviata del programma Le Iene ha pubblicato su Instagram una foto della sua sessione di chemioterapia, accompagnandola con un testo nel quale replica alle critiche per il modo ‘pubblico’ con cui affronta il male che l’ha aggredita.

Nadia Toffa choc: “Le cure potrebbero non bastare”

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it