Manichino in sedia a rotelle nella vetrina del negozio di abiti da sposa. Emozione


‘Choc’ in vetrina. In un atelier di abiti da sposa è stata fatta una scelta ‘particolare’ che ha lasciato piacevolmente sorpresi tutti i passanti. Nella vetrina del negozio, infatti, è stato esposto un abito da sposa su un manichino in sedia a rotelle. È una cosa che non succede tutti i giorni che però è stata molto apprezzata.
Una delle prime ad apprezzare la vetrina, è stata Beth Wilson, 36 anni, di Bristol. Beth è in sedia a rotelle e, quando è passata di fronte al negozio, si è quasi commossa così ha fotografato la vetrina e ha postato lo scatto su Twitter.

La donna ha commentato dicendo che è la prima volta che vede un manichino in sedia a rotelle, la prima volta che vede la disabilità in vetrina. Lo scatto del negozio White Collection Bridal, dopo il tweet, è diventato virale. Tanti i commenti sotto la foto, tutti di persone che hanno detto di essere rimaste “toccate” da quella immagine. “Questa foto mi ha fatto piangere” ha ammesso un utente di Twitter. Continua a leggere dopo la foto




“Il nuovo negozio di abiti da sposa della città ha in vetrina un manichino in sedia a rotelle – ha scritto Beth a commento della foto – so che non è una cosa particolarmente eccitante ma è la prima volta in vita mia che vedo una cosa del genere”. Intervistata da Femail, Beth ha detto di essere in sedia a rotelle da 5 anni e di avere molte difficoltà. “Il mondo non è fatto per noi, quasi tutto è ancora inaccessibile”. Per questo si è sentita inclusa vedendo quella vetrina. Continua a leggere dopo la foto




“Sono rimasta molto sorpresa quando ho visto quella vetrina e finalmente mi sono sentita rappresentata”. Anche le reazioni degli utenti di Twitter le hanno fatto molto piacere. “Spesso noi disabili ci sentiamo invisibili perché non vediamo nessuno come noi in tv, nelle vetrine, online. Invece la reazione degli utenti del web mi ha sorpreso e ha significato molto per me”, ha spiegato Beth. Il 20% della popolazione ha qualche disabilità ed è giusto che quel 20% possa sentirsi rappresentato anche in tv. Continua a leggere dopo la foto


 

“È stato bello per me vedere una sedia a rotelle decorata e non nascosta come di solito succede. Non mi serve un abito da sposa ma sarei contenta di andare in quel negozio che ha dimostrato che i disabili non sono invisibili”. “Siamo felici di sapere che il nostro gesto sia stato gradito – hanno detto a Femail le proprietarie del negozio Laura Allen e Sarah Parker – siamo felici di sentire che il nostro gesto ha incoraggiato tante persone”.

“Si sono sposati di nascosto”. Ambra e Allegri, il gossip vola: le foto