“È terribile, credetemi. Ecco cosa mi succede ogni volta che rido”. Hanna racconta la sua rara malattia


 

Una risata aiuta a vivere dice un proverbio, nel caso di Hannah Pryer, una ragazza di 16 anni inglese però, non è proprio così’. Soffre infatti di una rara forma di narcolessia che la porta ad avere un collasso ogni volta che ride fragorosamente. Una patologia neurologica quella che ha colpito Hannah, caratterizzata da eccessiva sonnolenza diurna, spesso vissuta come ricorrenti attacchi di sonno incoercibili, che si manifestano nel corso della giornata.

(continua dopo la foto)







Nello specifico, si tratta di un’incapacità del cervello a regolare in maniera fisiologica il ritmo sonno-veglia. Non è ancora chiare quale sia la causa scatenante ma colpisce circa 1 persona su 2000 (0.05% della popolazione) con distribuzione simile nei due generi. Recenti ricerche hanno mostrato che numerosi neurotrasmettitori sono coinvolti. Il più importante di questi è l’ipocretina (anche conosciuta come orexina), che nei narcolettici si è dimostrata ridotta all’interno del liquor cefalo-rachidiano, fino alla completa scomparsa nel 90% dei soggetti affetti da narcolessia con cataplessia. 

Usualmente l’inizio della sintomatologia è nell’adolescenza, come per  Hannah. La patologia, nel suo caso, ne limita la vita quotidiana nei suoi aspetti più basilari, non può lavorare, passa i week end a recuperare il sonno, e non può nemmeno ridere. La stanchezza causatale dallo sforzo le fa avere, infatti, un attacco di narcolessia. Da qualche tempo la 16enne sta sperimentando una nuova cura che l’aiuta a gestire il sonno e sembra stare meglio, ma è molto costosa.

Secondo quanto riporta il Sun, le medicine costano fino a 13 mila sterline l’anno, la speranza è che si trovi presto una cura.

La ragazza balla di fronte alla telecamera e all’improvviso… Ecco gli effetti della narcolessia

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it