“Lo ha trascinato per 50 metri!”. Auto investe pedone: le immagini choc che la polizia ha voluto diffondere per identificare l’omicida al volante. Attenzione, IMMAGINI FORTI


 

Il video sta girando in internet ed è davvero pazzesco, assistere a una morte così in diretta gela il sangue. Le immagini, fortissime, servono però per aiutare a individuare il pazzo che ha commesso questo omicidio. Un 19enne stava attraversando la strada nella città di Derby quando improvvisamente è stato colpito da un’Audi A3 scura in corsa. La macchina lo ha trascinato per quasi 50 metri sull’asfalto in una strada frequentata. Il ragazzo, incapace di rialzarsi, adesso si trova in sedia a rotelle. Il filmato shock, rilasciato dalla polizia, mostra il momento in cui il ragazzo, senza avere il tempo di spostarsi, viene colpito dalla macchina intorno alle 19:30 di pomeriggio. L’auto, dopo l’incidente, non si è fermata e ha proseguito la sua corsa sfrenata trascinandosi dietro la vittima. Ma questa tragedia è solo l’ultima in ordine cronologico di una lunga serie. Purtroppo oggi arriva un’altra notizia drammatica, dall’Italia. A perdere la vita è stato Albert Begjanov, giovane di 28 anni di origine uzbeka travolto e ucciso da un’auto mentre probabilmente attraversava a piedi via Fratelli Manfredi, all’altezza dell’intersezione con via Mugnone, a Reggio Emilia. Ancora da chiarire sotto diversi profili la dinamica dell’incidente mortale. A investire Begjanov, che secondo alcune testimonianze era uscito da poco da un noto locale della zona – è stata un’Alfa Romeo che procedeva verso Sesso, in uscita dall’abitato cittadino. (Continua a leggere dopo la foto)



Alla guida della vettura c’era un 33enne reggiano, V.F., poi sottoposto di prassi all’alcoltest dalla polizia municipale giunta per i rilievi di legge. L’automobilista è ora indagato per omicidio stradale. La vettura avrebbe impattato contro il pedone nella parte destra del frontale, forse cercando di evitarlo all’ultimo. Ma per il giovane non c’è stato nulla da fare. E’ infatti deceduto poco dopo, nonostante i soccorsi portati dal 118. Diversi residenti della zona si sono svegliati visto l’accorrere dei mezzi della Municipale e della Croce Rossa, e hanno assistito alle frenetiche operazioni per cercare di strappare alla morte il 28enne. Ma come detto, non è stato possibile salvarlo. Per ricostruire quanto accaduto sarà fondamentale anche il racconto del conducente dell’Alfa Romeo. Quel che è certo, è che in quel tratto di strada, tra via Due Canali e via Mugnone, è presente una corsia pedonale su entrambi i lati della strada. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Non è quindi pensabile che Albert volesse camminare sulla carreggiata se non per attraversarla. Le strisce pedonali sono distanti un centinaio di metri dal punto dell’impatto, e di notte la strada non è particolarmente illuminata. Begjanov viveva a Reggio con la madre da diversi anni. Dopo la laurea triennale, ha lavorato come magazziniere alla Gennarini Trasporti. Nel suo passato, anche esperienze alla Coopservice, alla Fratelli Menabo e da Veroni. “Per me era come un fratello più grande», scrive su Facebook un collega e amico, ‘Mister Bianco’. “Ancora mi rifiuto di crederci – dice ancora l’amico –. Tornare al lavoro non sarà più come prima. Albert era una persona fantastica, pronta sempre ad aiutarti, piena di gioia è felicità”.

 

Ti potrebbe interessare anche: ‘’Investito da un pirata della strada’’. Paura a X-Factor 2017. Il concorrente del talent targato Sky stava tornando da un concerto quando è rimasto coinvolto in un grave incidente. Rintracciato dai carabinieri l’automobilista che era fuggito: le condizioni del 20enne della squadra di Fedez