Per scelta, dormono in 7 in una stanza (2 genitori più 5 figli) e garantiscono: ”Il sesso va una meraviglia”. Ecco il segreto di Tom ed Elisabeth


 

È possibile fare sesso quando si hanno i propri figli nel lettone? Sì! Ecco cosa si sono inventati Tom e Elizabeth Boyce, genitori e blogger, che hanno sei figli. Il loro blog è il seguente: Wandering the world below.

(Continua a leggere dopo la foto) 

 







Andiamo alla storia: il figlio più grande della coppia ha 21 anni e, da qualche tempo, è andato via di casa; gli altri figli, invece, hanno tutti un’età compresa tra gli 11 anni e i 13 mesi. Fino a qualche tempo fa, i bimbi dormivano ognuno in una stanza poi, però, i genitori hanno deciso di rivoluzionare la casa e, soprattutto, la camera da letto. O meglio, le camere da letto. Perché ora, in casa, di camera da letto, ce n’è una sola: quella di Tom ed Elisabeth che si sono inventati una soluzione geniale per far dormire i loro bimbi nella loro stessa stanza. Ma come? Esatto. La scelta è stata obbligata: Tom è parzialmente disabile ed è costretto per lunghi periodi nel letto. Durante i periodi di cura passava poco tempo coi suoi figli e da lì è scaturita l’idea: trasferiamo tutti i bimbi nella stessa stanza, la nostra. Ma come trasformare una normale camera matrimoniale in un nido per la famiglia al completo? Semplice: con l’aiuto di Ikea e moltissima creatività. Intorno al letto matrimoniale, c’è tutto uno schema realizzato da Elizabeth e postato sul blog. A quanto pare, non è solo la loro vita familiare a migliorare con questa nuova mossa. Anche il sesso ha avuto una scossa in senso positivo: ‘’Uno pensa che avere tanti figli pregiudichi il sesso nella coppia, noi invece andiamo a meraviglia. Mentre i bambini dormono noi abbiamo tante stanze libere dove poter andare ad appartarci. Siamo molto più liberi rispetto a quando i bambini irrompevano in continuazione nel cuore della notte, scappando via in lacrime dalle loro stanze’’, hanno detto. Beh, che miti!

Leggi anche: “Vuole fare sesso tutti i giorni”. Moglie denuncia il marito. E il giudice…





Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it