”Il mio pene è una macchina da soldi”. Da quando ha 6 anni si sente una donna ma non ha il coraggio di fare l’intervento più importante della sua vita. Perché lei, che è una star del sesso delle più richieste, sa che senza il suo organo la sua vita sarebbe misera


Si chiama Mia Maffia, è una famosa pornostar trans richiestissima. Da quando ha 6 anni, si è sempre sentita una donna ed è sempre stata sicura al 90% di ricorrere all’intervento per diventare donna. Ora, però, inizia ad avere una grossa preoccupazione: si rende conto che è il suo organo genitale a fare la sua fortuna e ora non sa come fare. Il dilemma la sta logorando. ‘’Attualmente è impossibile anche solo pensare a un intervento – fa sapere la trans al alla BBC nel documentario Tough to Be Trans – semplicemente perché il mio pene mi fa macinare molto denaro. Senza di lui sarei al verde’’. Volete sapere quanto guadagna Mia facendo la escort? 750 sterline al giorno. Questo dormendo con uomini che la portano in hotel e facendo spettacoli dal vivo. Ma la 23enne confessa che fare sesso dalla mattina alla sera la sta sfiancando sia fisicamente che emotivamente. Ha ammesso di prendere anche degli stimolanti in modo da essere sempre ‘’reattiva’’ alla domanda dei suoi clienti. Dice che è necessario assumere certe sostanze. Cosa altro la preoccupa? Il tempo che passa. Teme che invecchiando possa apparire meno sensuale. Continua a leggere dopo le foto








È grazie al suo aspetto gradevole che Mia riesce a motivarsi. Grazie a esso, ha detto, ‘’riesco a lavorare senza sosta 7 giorni su 7’’. Nel nuovo programma che fa parte del filone della BBC sul sesso, le telecamere seguono la trans nell’arco della sua giornata ma scavano anche a fondo la sua identità. E allora Mia si scioglie e si racconta come se davanti a lei ci fosse la sua migliore amica. Dice che sogna di innamorarsi e vivere una relazione vera. E parla anche della voglia che ha di fare l’intervento più importante della sua vita e di quanto, però, ha paura di fare questa scelta. ‘’Il mio pene mi permette di guadagnare molto, se non lo avessi sarei sul lastrico’’ ha ribadito preoccupata. Continua a leggere dopo le foto





 

Parla del rapporto con sua madre che l’ha abbandonata quando aveva 17 anni, quando ha saputo che Mia era una trans. Per 6 anni non ha parlato con lei. ‘’Cerco disperatamente, attraverso il mio lavoro, l’affetto e l’amore che non ho avuto in famiglia’’. ‘’Mi sento al sicuro quando pratico il sesso orale – ha aggiunto – è stato così sempre negli ultimi 7 anni’’. Parla anche del desiderio che ha di trovare l’amore ma spiega anche che la cosa è difficile: ‘’Quelli che incontrano vogliono solo fare sesso con me. E allora io metto i soldi al primo posto, apro le gambe e li lascio fare. Insomma, rigiro la situazione a mio vantaggio’’. Ma fa sesso ogni giorno? No, non sempre perché a volte non ha voglia. ‘’Sono fiera di me, nella mia vita finora ho avuto successo e me ne vanto. Sogno un mondo dove i trans siano accettati in ogni ambito della vita. Quello in cui viviamo non è quel mondo lì’’.

Il sesso orale ti piace e sai che piace a lui così molto spesso glielo pratichi. Ma lui ci mette un secolo per raggiungere l’orgasmo e tu senti dolore alla mascella e ti scocci. Come velocizzare il culmine del piacere? Così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it