Raoul Bova, che gaffe. Dopo il terremoto di Ischia l’attore aveva postato una foto che per molti follower non aveva nulla a che fare con la tragedia. Dopo molto tempo è lui a parlare e a dire tutta la verità. Le sue parole


 

Diciamolo subito: per tutti è stata una gaffe. Ma lui ha cercato subito di porre rimedio e possiamo dire che effettivamente questo non è il classico caso in cui la toppa diventa peggiore del buco… Solo due settimane fa Ischia è stata colpita da una scossa di terremoto, lo ricordiamo tutti, che ha provocato morti, feriti e crolli. Molti personaggi dello spettacolo hanno espresso il loro dolore per questa tragedia, e tra questi Raoul Bova. L’attore ha postato sul suo profilo Instagram la foto di un tramonto con una frase: “Tra mille pensieri e tante domande… Ischia”. Tuttavia, non era una foto di Ischia, bensì di Torre Guaceto, e la gaffe non è sfuggita ai follower. Raoul ha così spiegato che la foto non è stata casuale: “Purtroppo alcune persone hanno bisogno di dare una connotazione geografica a un sentimento, un pensiero una suggestione. La foto di per sé evoca qualcosa e quel qualcosa viene dedicato ad un luogo e alle persone colpite da un Terremoto. Tutti noi dovremmo fare qualcosa e donare qualcosa. Nessuno sbaglio. Volutamente dedicato a un’isola meravigliosa”. (Continua a leggere dopo la foto)



E ha poi voluto concludere così: “Grazie a tutti per la vostra attenzione e pensate a come poter aiutare chi ha veramente bisogno. Troppa gente ancora in attesa di risposte e fatti concreti. Grazie a tutti e Arrivederci”. Sarà stato davvero tutto voluto? La scossa di terremoto che il 21 agosto ha colpito l’isola di Ischia è stata tremenda. Secondo i dati forniti dai Comuni, 1.200 sono i cittadini di Casamicciola che durante quella notte hanno trovato ospitalità prevalentemente in strutture alberghiere, mentre per il Comune di Lacco Ameno gli assistiti negli alberghi sono 289, ai quali si aggiungono circa dodici persone che hanno scelto di passare la notte presso il Palazzetto dello sport di Forio, allestito nei giorni scorsi per garantire l’ospitalità, se necessario, fino ad un massimo di circa 120 cittadini. (Continua a leggere dopo le foto)



 

Pasquale Balestrieri, consigliere comunale a Ischia e fratello di Lina, la prima vittima della scossa di 4 gradi della scala Richter verificatasi lo scorso 21 agosto sull’isola, rompe il silenzio: “Basta con il non è successo niente o con i distinguo sulle zone interessate dal sisma. Finora, anche se certe esagerazioni non le ho mai condivise, non sono entrato in causa perché parte della famiglia coinvolta dal tragico lutto per la perdita di mia sorella Lina”. Balestrieri ha ricordato i dati del sisma: “1500 persone sfollate, giovani e anziani che piangono perché non possono più mettere piede a casa loro, due persone che hanno perso la vita sotto le macerie, piante dai propri cari, per loro non valgono niente”.

Ti potrebbe interessare anche: “Raoul Bova condannato a un anno e mezzo di carcere”. L’attore in una situazione veramente spiacevole, gravi le accuse a suo carico. “Siamo certi che l’ appello ribalterà la condanna”, dice l’avvocato. Cosa è successo