Borsetta al braccio e gonna-pantalone. Il campione si mostra così di fronte ai paparazzi ed è questione di un attimo: il look ‘al femminile’ manda in tilt la rete, tra sfottò e paragoni. Chi è il giovane talento (italianissimo)


 

Pantaloni molto larghi, lunghi fin sotto il ginocchio che hanno l’aria di una gonna pantalone (o pantagonna, come dir si voglia) e una borsetta al braccio. Così il campione, che oggigiorno domina le pagine del calciomercato, è stato immortalato dai paparazzi che, come segugi, non lo mollano un istante. Ora, parliamoci subito chiaro: mai come in questa circostanza i luoghi comuni tipo “De gustibus non disputandum est” sono stati più veri. Non c’è nulla di male, figurarsi nel 2017 dove le regole di stile si fanno e si disfanno ogni nanosecondo, a uscire di casa come meglio si crede. Ma se si è famosi, ed è questo il caso, è normale vedere quelle foto rubate sui giornali. Ed è purtroppo anche normale finire in quel tritacarne allucinante dei social network. Immaginate la reazione di alcuni utenti alla vista di questo look stravagante. “Terrificante”, “Complimenti per la borsetta” e, riporta Il Giornale, “”Criticavo le pantagonne di Boateng, ma questo è messo nettamente peggio”, scrive un altro utente su Twitter riferendosi al look simile sfoggiato qualche anno fa dal marito dell’ex Velina di Striscia la Notizia Melissa Satta. (Continua a leggere dopo la foto)








Per il popolo del web, insomma, non è passata inosservata quella scelta di stile del calciatore 23enne che ha fatto ritornare alla mente quella dell’ex rossonero Kevin Prince Boateng, paparazzato a Milano con leggings neri come la Satta e strani pantaloni dal cavallo talmente basso da sembrare una gonna. Il giocatore finito ora sui giornali come ‘erede’ di Boateng altri non è che Federico Bernardeschi, il talento classe 1993 che ha lasciato la Fiorentina, il club in cui ha sempre giocato, e ha da poco firmato con Juventus. Proprio due giorni fa, osserva sempre Il Giornale, Bernardeschi è arrivato al J-Medical per le visite mediche con la Juve ma in tutt’altra veste. Molto classico: giacca nera, camicia bianca e pantalone molto elegante. Niente a che vedere, quindi, con quello sfoggiato ultimamente e subito immortalato. (Continua a leggere dopo le foto)








 

È arrivato il momento dei ringraziamenti. Per questi 12 anni, voglio ringraziare la società Fiorentina per avermi cresciuto e per avermi fatto diventare un uomo, voglio ringraziare tutte le persone che sono state al mio fianco. Quelle che tra oneri ed onori si sono prese tutto. Ma soprattutto vorrei ringraziare tutte quelle persone di cui si parla poco ma che lavorano fianco a fianco di noi giocatori,quelle che nessuno nota e nessuno vede perché dietro le quinte. Mi riferisco ai magazzinieri,fisioterapisti,dottori,addetti ai lavori, dal primo all’ultimo. A coloro che mi hanno sempre sostenuto e hanno combattuto al mio fianco. Di voi non mi scorderò mai perché avete costruito con me le fondamenta e soprattutto perché avete messo il cuore prima del lavoro,sempre. GRAZIE! Ora… Sono giunto al principio di un nuovo cammino. Che dire… Non poteva iniziare meglio di così. GRAZIE per avermi già fatto provare emozioni indescrivibili, GRAZIE per i brividi trasmessi, GRAZIE per l’affetto dimostrato, GRAZIE per la stima e la fiducia riposte in me. Non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura, mettermi a disposizione, dare tutto senza riserve ed onorare ciò che vesto. Non voglio peccare di presunzione e promettere, ma una cosa,però, la voglio assicurare..Non mancheranno Mai: Umiltà, Impegno, Grinta , Determinazione e Dedizione. GRAZIE A TUTTI! #Finoallafine #Rock’n’Roll ????

Un post condiviso da Federico Bernardeschi (@fbernardeschi) in data:

 

Dal diretto interessato ancora nessuna risposta agli sfottò degli utenti. Ora massima concentrazione per la sfida che lo attende nella prossima stagione con la maglia bianconera. Un’operazione da 40 milioni di euro: il giovane attaccante passa così dai 700mila euro d’ingaggio coi Viola ai 4 milioni stagione messi a bilancio dalla Juve con tanto di bonus e premi per i prossimi 5 anni. Ma non ha dimenticato di salutare tutti i suoi tifosi e il club che ha da poco lasciato per approdare a Torino: “Grazie per avermi cresciuto e per avermi fatto diventare un uomo – scrive in un lungo post pubblicato su Instagram Bernardeschi – Non dimenticherò questi dodici anni e tutte le persone che mi hanno accompagnato, a partire da coloro che stanno dietro le quinte. Ora è arrivato per me l’inizio di un nuovo cammino”.

“Ecco perché passa al Milan”. Il trasferimento di Leonardo Bonucci sta facendo scalpore ma dietro il suo addio alla Juventus non ci sono solo ragioni sportive

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it