Due bambini piccolissimi vengono fatti ubriacare alla festa di paese. Poi gli adulti li filmano barcollanti, ridendo delle loro condizioni


 

In tempi come questo non è ormai raro imbattersi in video di ogni tipo, alcuni dei quali di dubbio gusto ma destinati, purtroppo o per fortuna, ad andare incontro a grande notorietà in rete. Di certo, però, una delle ultime clip diventate virali in queste ore ha davvero qualcosa di orribile, un contenuto agghiacciante che non può non scatenare ribrezzo in chi si imbatte nel filmato. Tutto è successo nelle strade del Perù. Protagonisti della scena due bambini piccoli, dei quali non è stata chiarita l’età, ai quali è stato dato da bere alcol. Poi, una volta che i ragazzini erano visibilmente ubriachi e su di giri, sono stati ripresi da degli adulti, le cui voci si sentono in sottofondo. Risate, prese in giro, parole di scherno. Il filmato choc diffuso in rete viene dalle strade di Huancavelica, una delle città più povere del paese. La coppia è in età molto tenera ed è immortalata mentre barcolla tra la derisione sia di chi tiene il telefonino in mano sia di alcuni passanti, a loro volta indifferenti alla scena e per nulla disgustati dal siparietto assurdo al cui stavano assistendo sotto la luce del sole. (Continua a leggere dopo la foto)



I bimbi sarebbero stati fatti ubriacare intenzionalmente, costretti da alcuni adulti a bere alcolici durante una festa di paese. Il video diffuso su Facebook e ripreso dalla stampa locale mostra i piccoli in difficoltà e quando una donna prova a prendere per la mano quello che sembra il più piccolo dei una voce maschile la ammonisce dicendo di lasciarlo cadere. Le immagini hanno fatto in breve tempo prima il giro del Perù e poi del mondo indignando molte persone e al punto da spingere le autorità a prendere dei provvedimenti. In tanti hanno chiesto degli immediati provvedimenti da parte delle autorità per rintracciare i responsabili. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Per guardare il video clicca qui

Travolta dal clamore suscitato dalla pubblicazione in rete del filmato, che ha avuto molte visualizzazioni e condivisioni, il Ministro per le Donne Ana Maria Romero Lozada ha inviato una lettera ufficiale al procuratore generale, Pablo Sánchez, per richiedere l’identificazione dei responsabili. Intanto le autorità stanno cercando di rintracciare anche i genitori dei bimbi che saranno denunciati i per “presunta violazione dei diritti dei minori e per lo stato di abbandono morale e materiale di un minore”.

“Sono morti dopo averla mangiata. Questa frutta può uccidere i bambini”. La scoperta è a dir poco sconvolgente. Ecco cosa non dare ai bimbi in questi casi