“Sono stato minacciato e offeso. Questa vicenda mi ha toccato”. Un Alessandro Gassman così non lo avevamo mai visto (e sentito). Cosa ha fatto l’attore


 

Era uno dei più seguiti e i più simpatici sui social proprio per il suo modo simpatico e puntuale di stare al gioco della polemica e del web. Stranote le sue litigate con colleghi e politici e ora lo dice così, proprio sul suo social preferito: “Ok…lo faccio… ma va tutto bene ci vediamo nel mondo”. Così Alessandro Gassmann ha annunciato l’addio a Twitter. La decisione arriva dopo giorni di polemiche, di offese e di insulti, arrivati via social, perché l’attore aveva espresso la sua posizione favorevole allo “ius soli”. In particolare nei giorni scorsi era scoppiato un dibattito tra Gassmann e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Tutto inizia quando l’attore romano twitta una foto di schiavi neri in America al lavoro nei campi di cotone con il commento: “Senza migranti il paese si ferma. Buon tutto”. Dopo poco gli risponde la leader di Fratelli d’Italia: “Ho già sentito la storia degli africani che servono nelle piantagioni. La tua umanità radical chic mi lascia senza parole”. A cui segue di nuova uno scambio di battute: “Non sono radical e non sono chic, dico quello che penso è rispondo a tono quando serve”. (Continua a leggere dopo la foto)



E poi continua: “Chi lavora nei campi senza contratto è uno schiavo”. Meloni: “Assordante stridore di unghie sul vetro…”. Gassmann: “Ahahahahahahhh!! Grande! Malgrado tutto ti rispetto perché ti riconosco una onesta intellettuale rara anche dall’altra parte”. Ma a sconvolgere l’attore, come spiega lui stesso in una “lettera a puntate per i miei follower”, e a fargli prendere la decisione di lasciare Twitter, sono stati altri commenti polemici: “In questi due giorni su Twitter ho dibattuto su immigrazione e ‘ius soli’ sostenendo le mie ragioni – scrive – (…) Ho resistito parecchio, sono stato insultato, minacciato, offeso, preso in giro in maniera violenta e continua, così anche la mia famiglia e le mie origini”. (Continua a leggere dopo le foto)



 

Poi Gassman continua spiegando: “Ho scoperto di essere più vulnerabile di quanto immaginassi, l’attacco che ho subito mi ha toccato”. Infine conclude annunciando l’addio a Twitter con un saluto ai suoi 200mila fan che lo seguono sui social. In un’intervista al Corriere del febbraio scorso, l’attore aveva rivendicato il suo diritto a dire la sua su ogni argomento, politica compresa. Sarà vero? Riuscirà a mantenere la parola o presto lo rivederemo online a twittare? Ce lo auguriamo tutti, sia perché le sue parole sono sempre interessanti, sia perché è bene che ognuno abbia il diritto di poter dire quel che vuole.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Se ribeccamo… non je la potevi fa”. L’ironia di Alessandro Gassmann spopola sul web. Ecco chi è finito nel mirino dell’attore romano: tutti i tweet che hanno scatenato i fan