“Mi hanno chiesto di cambiare il mio cognome…”. Assurda vicenda vissuta da Alessandra Mussolini. Arriva una telefonata dal comune ed ecco cosa è successo dopo. “Io…”


 

È capitato a molti di pensare di cambiare il proprio nome o il proprio cognome. Tanto è vero che su Google una delle cose più ricercate è proprio “come cambiare cognome”. Ecco, quello che è certo, però, è che a noi nessuno a mai chiamato a casa per dirci come si fa e soprattutto ci ha invitato a farlo. È successo invece all’esponente di Forza Italia Alessandra Mussolini, nel tardo pomeriggio di oggi, quando ha denunciato con uno status su Facebook una telefonata che alcuni membri della sua famiglia avrebbero ricevuto da una persona che, presentandosi come funzionario di Roma Capitale, gli avrebbe proposto di cambiare cognome in modo rapido e semplice, nel caso in cui avesse ritenuto il proprio imbarazzante, cambiandolo magari di una sola vocale. (Continua a leggere dopo la foto)



“Questo pomeriggio un funzionario del Comune di Roma ha contattato telefonicamente un membro della mia famiglia comunicando che è in funzione un servizio del Comune per far cambiare rapidamente e facilmente il cognome se ritenuto imbarazzante o che crei disagio in Massolini o Messolini. La Raggi (o Reggi o Ruggi) riceverà a breve notizie dai nostri legali”. (Continua a leggere dopo la foto e il post)


 

 

 

Oltre alla carriera politica, Alessandra Mussolini si è fatta conoscere dal grande pubblico anche come opinionista e personaggio televisivo. Indimenticabili, infatti, alcune litigate televisive che la veemente politica ha avuto con: Vittorio Sgarbi durante “La pupa e il secchione“, Vladimir Luxuria a “Porta a Porta“, Andrea Scanzi e recentemente con il rapper Bello Figo e il blogger Daniele Martinelli.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Emma fascista, onora Mussolini”: scoppia il caso, la cantante denuncia