“Mi scappava la pipì, ma la porta non si chiudeva ed ero nervosissima. Alla fine ho combinato un disastro”. Che imbarazzo: la star della tv parla in diretta di quell’incidente davvero “spiacevole”


 

Diciamo la verità: andare in bagno a bordo dei mezzi pubblici non è sempre un’esperienza da ricordare e anzi, troppo spesso, finisce per farci sentire a disagio. In particolar modo i treni pubblici nascondono puntuali insidie di ogni tipo, che vanno dalla chiusura della porta guasta, con il costante rischio che qualche altro passeggero entri all’improvviso cogliendoci con i pantaloni abbassati, alla sporcizia imperante, passando per l’assenza d’acqua per lavarsi le mani, di carta igienica e via dicendo. Spiacevoli imprevisti che non assillano soltanto noi comuni mortali ma anche i vip, come dimostrato dalla presentatrice televisiva e attrice Linda Robson. La star del piccolo schermo britannico, oggi 59enne, ha infatti rivelato con grande imbarazzo durante l’ultima puntata dello show Loose Women di essersi trovata in una situazione davvero spiacevole proprio mentre si trovava a bordo di un vagone. Colpita dall’improvviso bisogno di fare pipì, si è infatti recata in toilette: ma l’operazione non si è rivelata semplice. (Continua a leggere dopo la foto)



La chiusura della porta, apparentemente efficace, era in realtà malfunzionante e così un controllore, convinto non ci fosse nessuno all’interno, l’ha aperta di colpo, trovandosi di fronte la star intenta a fare i suoi bisognini. Lei, presa dal panico, si è subito sporta in avanti per ricacciare l’invasore e preservare la dignità, finendo però così per combinare un vero macello sul pavimento. (Continua a leggere dopo la foto)


 


 

“Quando ho guardato il pavimento mi sono accorta di aver fatto un macello, avevo fatto pipì dappertutto. Sarei morta per la vergogna. Gli altri ospiti della trasmissione non sono riusciti a trattenersi dallo scoppiare a ridere mentre Linda, vinto l’imbarazzo, ha trovato il modo di stemperare il tutto con una battuta: “Se mi vedete entrare nel bagno di un treno, andate a farla in un altro vagone. Per il vostro bene”.

“Non ha mai voluto fare la pipì in piedi”. Ha appena 5 anni e si sente una bambina pur essendo un maschio. Una condizione difficile da sopportare al punto da spingere i giudici a intervenire. Ed è polemica