Tesi choc di Heidegger: “La Shoah è l’autoannientamento degli ebrei, colpa loro”


Tesi choc: “La Shoah è l’autoannientamento degli ebrei”. La quarta parte dei Quaderni neri di Martin Heidegger (1889-1976), di cui Donatella Di Cesare anticipa i contenuti più scottanti in un articolo pubblicato dal Corriere della Sera, comprende le note scritte dal filosofo nel periodo dal 1942 al 1948. Fa parte del testo, di 560 pagine, anche il quaderno del 1945/46, che sembrava fosse andato perduto e che è stato recuperato la scorsa primavera. Questa tesi agghiacciante di Heidegger affiora nel nuovo volume curato da Peter Trawny, che sta per essere pubblicato in Germania dall’editore Klostermann (Gesamtausgabe 97, Anmerkungen I-V).

Questa edizione è destinata a lasciare il segno soprattutto perché cancella un luogo comune della filosofia del Novecento: il “silenzio di Heidegger” dopo Auschwitz (l’ex rettore di Friburgo nel 1946 viene interdetto dall’insegnamento). “Se gli ebrei hanno un ruolo di primo piano nei precedenti Quaderni neri, che vanno dal 1931 al 1941, se la “questione ebraica” è strettamente connessa alla questione dell’essere — scrive Di Cesare  — non può sorprendere che Heidegger parli della Shoah e la consideri sia sotto l’aspetto filosofico sia sotto quello politico”. La parola chiave del suo pensiero? “Selbstvernichtung”, ovvero auto annientamento: gli ebrei si sarebbero autoannientati. Nessuno potrebbe allora essere chiamato in causa, se non gli ebrei stessi. Già nei quaderni del 1940 e del 1941, quando viene avanzata l’esigenza di una “purificazione dell’Essere”, fa la sua inquietante comparsa il termine “autoannientamento”.

“Rigoroso e coerente, Heidegger – conclude la studiosa – non fa che trarre la conclusione da tutto quel che ha detto in precedenza. Gli ebrei sono gli agenti della modernità; ne hanno diffuso i mali. Hanno deturpato lo spirito dell’Occidente, minandolo dall’interno. Complici della metafisica, hanno portato ovunque l’accelerazione della tecnica. L’accusa non potrebbe essere più grave”.

Ti potrebbe interessare anche: Ebrei prima della Shoah. I più antichi filmini di famiglia italiani







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it