5 trucchetti per vincere a Poker con la psicologia


Già, il Natale è bello anche perché tutto è lecito. Anche giocare fino a notte inoltrata. Sette e mezzo, Tombola, Saltacavallo, Mercante in fiera e, naturalmente, Poker. Cioè una vera e propria competizione che, tra le altre cose, richiede una grande capacità di gestire lo stress. Ecco 5 trucchetti per vincere che si ispirano alla psicologia.

(Continua a leggere dopo la foto)








1)Esercitati. Questo è fondamentale per capire quali sono i contesti in cui ti senti a tuo agio, gli avversari con i quali preferisci rapportarti, il modo per ridurre lo stress. Perché, per vincere, per prima cosa bisogna stare rilassati… Anche una smorfia del volto può rivelare lo stress che stai vivendo e far capire all’avversario come ti muoverai. 

2)Osserva. Anche i più esperti giocatori, anche se tentano di simulare qualsiasi emozione, si “tradiscono”. Per esempio: qualcuno socchiude un occhio se sta bluffando, qualcuno si mordicchia le labbra, qualcuno si tocca i capelli, qualcuno si muove di più. Più osservi i comportamenti altrui, più puoi capire del loro gioco. Concentrati in modo particolare sulle mani: sono quelle che tradiscono di più… Questa sorta di attenzione è spesso oggetto di ricerche e sempre più studi individuano nei grandi professionisti del gioco quella che ormai viene comunemente definita intelligenza sociale.

3)Gioca a scacchi. La scacchiera, infatti, aiuta la mente a concentrarsi, a sviluppare la pazienza e il controllo e sempre più giocatori professionisti di poker sono ex campioni di scacchi. E poi ormai è scientifico: il cervello reagisce positivamente al lateral thinking, cioè la risoluzione creativa dei problemi.

4)Leggi. Libri sul poker (Ogni mano rivelata, basato sul gioco di Gus Hansen, tra i più famosi campioni di poker) ma non solo. 

5)Disorienta l’avversario. A poker tutto può cambiare all’improvviso e l’importante è mantenere i nervi saldi. Controlla la tua gestualità e prova a “trasmettere” falsi messaggi. Avere una mano forte e lasciare trapelare, solo per un attimo, un minimo d’ansia da bluff può farti svoltare. Trova la tua strategia: solo tu puoi comprendere quali sono i punti di forza della tua personalità che vanno coltivati, e quali i punti deboli da mascherare.

 

Leggi anche: Vergogna sul web, 30 app per far giocare d’azzardo i bambini

Il cagnolino che va matto per il gioco sull’iPad

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it