Myla, la modella “plus-size” che pur di sfilare si imbottisce i fianchi


Si chiama Myla Dalbesio ed è la prima modella “plus-size” di Calvin Klein, da qualche giorno è finita nell’occhio del ciclone alcune polemiche che riguardano le sue curve. Non solo le donne si sono scatenate ritenendo che la ragazza non avesse nulla a che fare con le taglie forti, adesso viene accusata di aver mentito sulle sue misure. Come rivelano alcuni quotidiani, avrebbe indossato imbottiture sul lato B e sui fianchi per camuffare la sua taglia 42. Il Dailymail racconta che Myla ha percorso tutte le strade per fare la modella. All’inizio della sua carriera, fu stroncata dalla giuria a un concorso di bellezza: per inseguire il suo sogno doveva perdere almeno 10 chili. Ossessionata dal peso e dopo aver lottato anni contro la bulimia, decise di cercare lavoro come modella “plus-size”, pur sapendo di non rientrare nemmeno in quelle misure. È stato allora che iniziò a ricorrere alle imbottiture per il sedere e le anche. Gli agenti le dicevano che doveva ingrassare se voleva entrare davvero in quel campo. Sia da una parte che dall’altra, Myla diventava sempre più insicura. Alla fine la modella ha fatto fortuna e le imbottiture non le sono più servite. Ma all’inizio di quest’anno è finita di nuovo nel mirino per il suo fisico.

Ti potrebbe anche interessare: Il lamento della modella curvy: “A disagio con le magre”. Ma il web si scatena: “Non sei grossa”