Macchia di caffè? Va via con la schiuma da barba. Questa e altre dritte per pulire le tovaglie


Hai mangiato i tortellini al sugo e zac! hai macchiato la tovaglia? Un classico. E visto che il Natale (i pranzoni e cenoni) si avvicinano, ti diamo qualche dritta su come togliere le macchie difficili. Come farebbe tua nonna.

(Continua a leggere dopo la foto)



1)Vino sulla tovaglia? Niente paura: versa subito sul tessuto acqua frizzante, poi strofina con acqua fredda e procedi con il normale lavaggio. Anche il sale fino è un buon rimedio per le macchie di vino: copri la stoffa con uno strato di sale, lascia agire una decina di minuti, poi strofina e lava. Il vino rosso, invece, si elimina col vino bianco. Basta tamponare un po’. Prova…

2)Olio? Allora metti sulla macchia farina o borotalco che faranno assorbire l’unto. Poi bagna il tessuto con acqua e aggiungi un po’ di detersivo per i piatti: lascia agire per un po’, poi procedi col lavaggio normale. Come nuovo…

(Continua a leggere dopo la foto)


3)Frutta. Per togliere le macchi di frutta strofina il tessuto con acqua  e aceto, oppure un mix di sale, limone e aceto. L’alternativa? L’acqua ossigenata, a cui, nei casi più difficili, si può aggiungere una goccia di ammoniaca.

(Continua a leggere dopo la foto)


4)Caffè. Ci sta: alla fine del pranzo durante il quale hai mangiato troppo, ti scivola la tazzina dalle mani e imbratti la tovaglia. Ma lo sai che il caffè si toglie con la schiuma da barba? Ricopri la macchia con la schiuma,  lascia agire, strofina con una spazzola e procedi con il normale  lavaggio. In alternativa puoi togliere l’alone di caffè mescolando acqua  gassata e succo di limone oppure acqua e aceto. 

5)Natale = tante candele. Tante candele = cera. Che macchia le tovaglie. Cosa fare? Se il tessuto lo consente, metti a mollo in acqua calda: la cera si staccherà dal tessuto venendo a galla. In alternativa puoi utilizzare una spazzola o uno spazzolino vecchio e strofinare il tessuto con alcol. Oppure passare il ferro da stiro caldo sul tessuto macchiato posizionando fra la stoffa e il ferro un foglio di carta paglia. 

 

Leggi anche: “Dormi senza pigiama”, “abbraccia la nonna” e altre 8 cose da fare prima che sia troppo tardi

Cellulite, pancia gonfia, mal di testa: i 10 rimedi della nonna che non falliscono mai