Moda in lutto: addio al noto stilista. Un genio che ha fatto la storia


È morto 76 anni lo stilista giapponese Kansai Yamamoto, noto per i suoi abiti avanguardisti e per aver collaborato a lungo con David Bowie. A confermare la notizia della sua scomparsa è stata la figlia Mirai su Instagram. “Il 21 luglio scorso mio padre, Kansai Yamamoto, è morto all’età di 76 anni. Ha lasciato questo mondo in pace, circondato da persone care” si legge nel post.

“Ai miei occhi, papà non era solo l’anima eclettica ed energica che il mondo conosceva – scrive Mirai Yamamoto – ma anche una persona premurosa, di buon cuore e affettuosa. Ha apprezzato la comunicazione e mi ha inondato di amore per tutta la mia vita”. (Continua dopo la foto)






“Mi ha anche insegnato a persistere durante i fallimenti e a non lasciar andare mai una mentalità positiva e lungimirante. Considerava le sfide come un’opportunità di auto-sviluppo e credeva sempre che ci sarebbero stati giorni più luminosi a venire”. (Continua dopo la foto)






Quindi conclude: “Voglio ringraziare tutti coloro che hanno toccato la vita di mio padre in qualche modo o forma. Senza di voi, la sua eredità non esisterebbe. Continuerò a sostenere questo retaggio di mio padre attraverso il mio lavoro in Kansai Super Studio, insieme alla mia carriera di attrice. Nel fare ciò, spero di diffondere lo spirito di ‘Genki’ di Kansai Yamamoto nel mondo”. (Continua dopo le foto)



 


Nato nel 1944, Yamamoto aveva studiato ingegneria civile prima di consacrare la sua carriera alla moda. Nei primi anni ’70 era diventato il primo stilista giapponese a sfilare a Londra, attirando l’attenzione di numerosi artisti d’avanguardia tra cui, non a caso, quella di David Bowie. Per il cantante inglese Yamamoto ha creato nel corso degli anni numerosi capi androgini e futuristici, come la celebre tuta ‘Tokyo Pop’ in vinile nero usata per il tour di ‘Aladdin Sane’.

Caffeina News by AdnKronos
www.adnkronos.com

Furti d’auto, ecco marche e modelli più rubati in Italia. E dove ne ‘spariscono’ di più

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it