”Non è facile”. A 14 anni dalla morte di Alex Baroni, l’ex fidanzata Giorgia scrive un messaggio commovente per il suoi 50 anni: un ricordo toccante condiviso con i suoi fan (che ovviamente hanno apprezzato)


“Non mi è mai stato facile parlarne, mai lo sarà, come non è facile scegliere una foto, e richiamare alla memoria sempre vigile sentimenti momenti e assenza”. Così Giorgia inizia un lungo post su Facebook dedicato al cantante milanese e suo ex compagno Alex Baroni, deceduto in seguito a un incidente stradale a Roma il 13 aprile 2002. Nel giorno in cui l’artista avrebbe compiuto 50 anni, Giorgia decide di ricordarlo e condividere sui social un pensiero affettuoso e malinconico, accompagnato da una foto in bianco e nero di Baroni. “Nel giorno del suo compleanno – scrive Giorgia – trovo giusto ricordare col suo pubblico che mai dimentica Alex Baroni, l’artista che è stato e la sua voce eccezionale e per sempre unica”. Dopo la morte di Baroni, Giorgia aveva confessato in una lunga intervista a Vanity Fair di essere sempre stata ”ansiosa di farmi voler bene”, e così ”convinta di non meritarmelo, che vivevo come nell’attesa costante che qualcosa di tremendo potesse succedermi…”. (Continua a leggere dopo la foto)



La morte di Alex, ”dentro di me, io ce l’avrò per sempre…Piangevo perché avrei voluto morire anch’io, con lui… Poi, qualcosa dentro di me ha deciso di resistere, sopravvivere”, aveva rivelato. Raccontando la nascita del nuovo amore con Lo: ”Lavoravamo insieme per un tour, lui aveva cominciato a corteggiarmi e io ero tutta sulla difensiva. Pensavo: figurati se posso fidarmi di lui… Non capivo che cosa c’entravo io con un fico così… Chissà che mazzata poi m’aspetta se mi metto con uno come lui: giovane, vitale. Poi la vita per fortuna a un certo punto non mi ha più permesso di pensare”, aveva spiegato la cantante.

(Continua a leggere dopo la foto)


 


 

”Per anni diventare madre è stata una specie di ossessione: e lì è davvero l’uomo che fa la differenza. Ho avuto due aborti spontanei, rischiavo di ricadere dentro a un meccanismo malato di autocompiacimento della sofferenza. Ma Emanuel anche in quell’occasione non si è lasciato abbattere E quando abbiamo smesso di pensarci sono rimasta incinta…”.

Giorgia, il ricordo di Alex Baroni a 13 anni dalla morte: “Lasciamo parlare la musica, la tua voce”