Addio alla signora della moda. Il mondo delle passerelle è in lutto per l’inaspettata scomparsa della donna che, per tutta la vita, ha fatto parlare di sé. ”Era malata da un anno”. Il ricordo corre sul web


 

È morta Franca Sozzani. La signora italiana della moda, a capo di Vogue Italia per 28 anni, si è spenta a Milano. Era malata da oltre un anno. Franca Sozzani è nata a Mantova nel 1950, è laureata in Lettere e Filosofia e ha iniziato a lavorare nel mondo della moda con la rivista Vogue Bambini. Nel 1980, a trent’anni, diventò direttrice della rivista Lei e tre anni dopo anche della versione maschile, Lui. Nel 1988 fu nominata direttrice di Vogue Italia, che ha reso una delle più influenti riviste di moda al mondo subito dopo l’edizione americana, diretta da Anna Wintour (le due direttrici sono state assunte nello stesso mese dello stesso anno). Negli anni Sozzani è diventata responsabile di tutte le riviste che ruotano attorno a Vogue: L’Uomo Vogue, Vogue Gioiello, Vogue Sposa, Vogue Bambini e Vogue Accessory. Dal 1994 è direttrice editoriale della casa editrice Condé Nast Italia. Visto il ruolo, il parere di Sozzani è influente e decisivo nel mondo della moda, e nei suoi 25 anni a Vogue ha reso famosi molti stilisti emergenti, e valorizzato molti nomi importanti della moda italiana, da Gianni Versace a Giorgio Armani, di cui è anche molto amica. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Lo stesso ha fatto con fotografi come Bruce Weber, Peter Lindbergh, Ellen von Unwerth e Paolo Roversi. Nel documentario parlando di stessa dice: ”Sì che sono una vincente! Non perché sia presuntuosa, ma perché tutte le mie idee hanno avuto successo”. Ciò che ha sempre reso speciale il lavoro di Sozzani è la volontà di prendere posizione e la capacità di stupire con copertine e servizi fotografici di grande impatto.

(Continua a leggere dopo la foto)


 


 

Per esempio nel 2008 pubblicò sull’intero numero di luglio soltanto servizi con modelle nere, accompagnandoli da editoriali e articoli che denunciavano il razzismo, anche nel mondo della moda. Lo stesso fece nel giugno 2011, con il servizio principale intitolato “Belle vere” e dedicato alle modelle cosiddette curvy, cioè con una taglia dalla 48 in su.

Franca Sozzani è stata la direttrice di Vogue Italia, posizione ha ricoperto dal 1988 e dal numero di ottobre 2006 è stata anche direttore responsabile di L’Uomo Vogue. Oltre a ricoprire queste cariche, Franca Sozzani è stata direttrice editoriale della casa editrice Condé Nast per l’Italia e, dal marzo 2013, presidente della Fondazione IEO Istituto Europeo di Oncologia. Il sito Vogue l’ha voluta ricordare scrivendo sul suo nome accanto a un cuore nero.