La barba è tornata in gran moda e tutte le donne trovano gli uomini che la portano molto sexi e virili. Eppure, c’è una cosa (molto importante) che non sapete. Quella barba è un messaggio sessuale, ma non per chi pensate voi…


 

Va di moda, non c’è ombra di dubbio, dove ti giri vedi barbe. Tante barbe, come se non ci fosse un domani. E non sono male, ce ne sono di svariate fogge e a dire il vero molte donne ne sono attratte. Ma sappiamo veramente tutto sul folto vello che adorna il volto di tanti uomini?

(Continua a leggere dopo la foto)



A rispondere a questa domanda è Tamsin Saxton, una psicologa alla Northumbria University di Newcastle, che ha condotto uno studio in materia, pubblicato su Behavioral Ecology. I ricercatori  si sono chiesti che rapporto c’è nella specie umana tra la selezione sessuale, i peli facciali e il timbro della voce. La loro conclusione è che la barba, più che per sedurre le femmine, serva per imporsi sugli altri maschi.
(Continua a leggere dopo la foto)


A quanto sembra, le donne, non sembrano poi così attratte da volti pelosi. Stando a un sondaggio del 2015 condotto da Censuswide in Gran Bretagna, le donne preferiscono i maschi che si radono. Li ritengono più affidabili e puliti. Statistiche più recenti non portano grandi novità. Alcune donne amano barbe e peli, altre preferiscono al contrario, il look rasato, glabro, liscio. Insomma, non ci sono prove che la teoria dell’evoluzione della barba sia un richiamo sessuale.

(Continua a leggere dopo la foto)


Ma lo studio di Saxton&Co parla chiaro: la barba non è un semplice richiamo erotico, ma un segnale di forza, virilità, testosterone. Quindi riproduzione. L’uomo con la barba, insomma, incarna la forza. A conferma di questa teoria un altro studio, condotto da Nigel Barber (guarda un po!) che afferma che nei periodi in cui molti maschi competono tra loro per un piccolo numero di donne i peli del volto vengono lasciati crescere e diventano moda. Quindi, non per piacere alle poche nubili disponibili, ma piuttosto per scoraggiare i tanti rivali.

 

“Sì, ci sono gay nel calcio di serie A”. La confessione arriva da un (bellissimo) calciatore. Chi è e cosa ha da dire