Addio a un genio: è morto il papà dei supereroi Marvel


Addio a un vero genio. Fumettista, quindi ideatore di personaggi e storie, ma pure editore, manager e produttore. Il suo nome è passato di diritto alla storia: si è spento Stan Lee, il leggendario creatore dei supereroi Marvel. Per i fan era lui stesso un eroe, dal momento che ha creato personaggi come Spider-Man, Hulk, Thor, Iron Man, i Fantastici 4, Pantera Nera, Avengers e X-Men. All’anagrafe Stanley Martin Lieber aveva 95 anni ed è stato a lungo presidente e direttore editoriale della Marvel Comics, per la quale ha sceneggiato moltissime storie.

Ma non solo il suo nome. Anche il suo volto, come ricorda Repubblica, è rimasto popolarissimo grazie al “gioco” dei cameo nei film Marvel. Tutti sapevano che in ogni nuova avventura cinematografica o televisiva dei suoi supereroi prima o poi, anche se per una breve apparizione, sarebbe spuntato anche lui. E chissà in quale veste dopo averlo visto nel ruolo di postino, passeggero di un autobus, venditore di hot dog e barista. (Continua dopo la foto)







Era nato a New York il 28 dicembre del 1922 e nel 1961 inizia a lavorare per la Magazine Management Company di Martin Goodman, altra figura chiave del fumetto made in Usa e insieme al disegnatore Jack Kirby creano i Fantastici 4. Sull’onda di quel successo, l’anno seguente Lee propone Spider-Man, ma questa volta con il disegnatore Steve Ditko e con la casa editrice che ora si chiama Marvel Comics. Infinito l’elenco dei personaggi che prendono vita dalla sua fantasia e da quella dei disegnatori. (Continua dopo la foto)




Hulk, Thor, Iron Man, gli X-Man, il Dottor Strange, Daredevil, Pantera Nera. Tutti “supereroi con superproblemi”, recitava lo slogan. Negli anni ’70 e ’80, perà, il mondo fino ad allora dorato del fumetto inizia ad avere un calo e Lee ha subito l’intuizione sulla rinascita del genere supereroico: la strada della televisione e del cinema. E così è stato, i supereroi della carta sono rinati grazie al video. Nel corso degli anni, poi, Lee assume anche la presidenza della Marvel e gira il mondo come volto “ufficiale” della compagnia. (Continua dopo le foto)


 


Nel 1981, pur continuando scrivere le strisce quotidiane de L’Uomo Ragno, Lee si trasferisce con la famiglia in California per lavorare da vicino sui progetti cinematografici e televisivi della Marvel e negli anni 2000 si fa conoscere per i suoi ‘camei’, le partecipazioni come comparsa nei film della Marvel che anticipavamo sopra. Nel 2015 pubblica il graphic novel La stupefacente, incredibile, fantastica vita di Stan Lee dove racconta tutta la sua vita e a inizio 2018 si ritira dalla vita pubblica a causa delle precarie condizioni di salute. Ora se ne è andato, ma rimarrà nella storia.

Dietro le quinte del potere Business.it

Max Croci morto dopo una lunga malattia: il regista aveva 50 anni

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it