Lì, dove il sesso è reato: lo Stato (occidentale) in cui se non lo fai “normale” commetti un illecito penale. Ogni altra “fantasia” è punita dalla legge


 

Il sesso anale e orale porta a multe e galera in almeno un terzo degli Stati Uniti.In questi giorni cittadini comuni si sono mobilitati contro una legge scritta per aggravare le violenze contro gli animali ma che di fatto vieterebbe il sesso orale e il sesso anale. Il responsabile dell’emendamento sotto accusa, però, non ha intenzione di fare dietrofront. Accade in Michigan, stato che insieme ad altri undici non si è ancora adeguato ad una sentenza della Corte Suprema che nel 2003 dichiarò incostituzionali i divieti sulla sodomia.

(continua dopo la foto)







 

Nella nazione in cui la Corte Suprema legifera su ogni tema e impone agli stati di mettersi in pari insomma la discrasia gerarchica, riporta il Fatto Quotidiano, rimane evidente, soprattutto per quel che riguarda pratiche e orientamenti sessuali. A spiegare la vicenda è l’edizione originale dell’Huffington Post. Il repubblicano Rick Jones ha infatti preteso e ottenuto un emendamento alle nuove leggi che aggiornerebbe così la definizione di sodomia a cui dovrebbero riferirsi le già esistenti norme mai abolite nonostante il parere della Corte Suprema: «Va considerata punibile ogni condotta contro natura nei confronti di qualsiasi essere umano o di un animale».

Il senatore però non vuole saperne di fare passi indietro: «Nessuno vuole toccare la terminologia, l’unico modo per rimuovere quei particolari è accorparli ad altre leggi considerate incostituzionali per lo Stato del Michigan e votarne l’abolizione in massa. Non ho la minima intenzione di rivedere dall’inizio una legge per i cani che tutti vogliono, e neanche gli altri senatori».

Come lo fanno strano: gli usi sessuali più bizzarri

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it