Tacchi alti, strepitosi ma che dolore! Da oggi addio brutte sorprese: c’è un trucco per capire (senza provarle) se quelle scarpe ti faranno soffrire oppure no. Ecco come riconoscerle (ed evitare delusioni)


 

Secondo Christian Louboutin, guru e designer di calzature più famoso al mondo (avete presente la famosa suola rossa?), le scarpe con tacco vertiginoso hanno un alto potenziale sessuale perché l’arco del piede assume l’esatta posizione che avrebbe durante un orgasmo. Parole sue. Ma come la mettiamo col dolore, con quelle fitte alla pianta del piede che ci fanno rimpiangere le sneakers? Parliamoci chiaro: i miracoli non esistono in questo caso. E sempre Louboutin dice di nutrire “davvero poca compassione per questo tipo di donna. Se Tina Turner e le ragazze della band di Prince possono suonare per tre ore indossando le mie creazioni non mi si può dire che è impossibile camminarci. I tacchi alti sono il piacere con il dolore. Se non sai camminarci, non indossarle”. Non ci piove: se non sai camminarci, non le comprare. Ah, fosse davvero così! I tacchi alti spesso sono scomodi e fanno male, ma danno al piede e alla figura in generale un tocco in più. Un tocco irresistibile. E spesso non si può proprio farne a meno, perché certi outfit vogliono necessariamente le scarpe alte, non c’è storia. Siamo però tutte d’accordo nel dire che acquistare scarpe alte richiede una certa dose di coraggio, soprattutto online e soprattutto se non si è abituate a indossarli tutti i giorni. (Continua dopo la foto)







Comprarle senza provarle, infatti, è una bella sfida. Come si fa a sapere se quelle scarpe stupende che ‘ci chiamano’ dallo schermo del pc sono portabili oppure no? Sarà capitato anche a voi di aver fatto male le valutazioni in merito allo spessore del tacco e la loro altezza e di aver creduto fossero modelli iper comodi quando invece la realtà era ben diversa, una volta arrivate a casa col corriere e appena indossate. O no? Ebbene Cosmopolitan ci fornisce un trucchetto semplice e a quanto pare efficacissimo per non commettere più errori di questo genere (e pentirsi amaramente di non aver optato per un paio di ballerine). C’entrano sempre i centimetri, ma è il metodo di misurazione il vero segreto. (Continua dopo le foto)





 


Di fronte a un paio di scarpe con il tacco alto che volete acquistare online, la ‘zona’ da prendere in considerazione, si legge sulla celebre rivista, è la distanza che intercorre tra il gommino del tacco e l’inizio della suola della scarpa. Se la distanza che intercorre tra questi due punti è di circa 3 centimetri, allora puoi procedere tranquillamente all’acquisto (e trascorrere ore su quei trampoli che ti hanno subito colpito). Al contrario, più la distanza tra suola e tacco si accorcia, quindi tra i 2 e i 2,5 centimetri, l’inclinazione del piede aumenta, così come il peso totale da scaricare sulla punta delle dita e sul metatarso. Tutto chiaro, tranne un dettaglio: come calcolare questa misura magica quando si fa shopping online? Semplice, scrive Cosmo. Basta misurare con un metro la foto a monitor e provare a compararla con altri modelli con il tacco in vendita. Se la distanza tra tacco e suola è più piccola rispetto agli altri modelli misurati, allora scatta l’allarme rosso. Quello del dolore.

Sul red carpet ai piedi delle dive e nei sogni di tutte le donne. Sono le famose Louboutin, nient’altro da aggiungere. Ma ti sei mai chiesta il significato della suola rossa? Svelato il perché di quel tocco di colore che le rende uniche

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it