La storia di Chantelle, la modella con la vitiligine: ‘’Mi chiamavano mucca, ora amo la mia pelle’’


A 13 anni i compagni di scuola la prendevano in giro paragonandola ad una mucca e facendole il verso. Oggi è una delle regine delle passerelle. Lei si chiama Chantelle Winnie e soffre di vitiligine ed è diventata un esempio per tutti. “Sono orgogliosa della mia pelle”, ha detto in un’intervista al The Guardian, mentre ripercorreva tutte le tappe della sua vita: dal bullismo all’esperienza da top model. Chantelle, diventata famosa grazie anche al programma American’s Next Top Model, è diventata il nuovo volto di Desigual, musa del Nick Knight e del designer Ashish.

(Continua a leggere dopo la foto)







Ha iniziato a soffrire di vitiligine a 4 anni. Ha provato a fare di tutto: ballare, suonare il pianoforte, scrivere per un giornale. Ma non le riusciva mai di raggiungere il suo sogno: diventare una modella. Da bambina e da adolescente è stata vittima di bullismo. A 13 anni, entrando nell’auditorium del suo istituto, un ragazzino fece partire un coro di “Muuu, muuu”, imitando il verso della mucca. “Ho lasciato la scuola a 16-17 anni, non ricordo”, ha detto la modella al Guardian. Ferite che fanno ancora male e che il tempo non ha ancora curato, visto che Chantelle ora ha solo 20 anni. A cambiare la sua vita è stato l’utente Shannon Boodram che, dopo aver visto le sue foto su Facebook, l’ha contattata per chiederle di partecipare ad un suo video musicale. Per la prima volta Chantelle veniva apprezzata per il suo aspetto fisico Poi è arrivata la chiamata di Tyra Banks e la richiesta di partecipare ad American’s Next Top Model Ad una donna, furiosa con Chantelle perché per uno scatto non aveva messo neanche un po’ di fondotinta sul viso, la modella ha risposto per le rime: “Questa è la mia vita e sono contenta delle scelte che faccio. Mettetevi un po’ di mascara, gonfiatevi le labbra, tagliatevi i capelli, fate una liposuzione, è una vostra scelta. Io sono orgogliosa della mia pelle. E sono a favore di tutto ciò che abbia come fine l’essere felici”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it