Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Quando il lutto dettava tendenza. Ecco come “La morte ti fa bella”

Al Metropolitan Museum di New York, nel padiglione Anna Wintour, dal 23 ottobre fino a febbraio, c’è la mostra La morte ti fa bella, (Death Becomes Her), un’esposizione che celebra l’evoluzione dell’abito funerario dal 1815 al 1915. Trenta abiti di alta moda che mettono in mostra i diversi ‘stadi’ del lutto. Ci sono infatti abiti dal nero tinta unita, alle sfumature più chiare perché i colori si schiarivano man mano che si esauriva il periodo imposto per il lutto. Tutti e trenta gli abiti mettono in evidenza quanto i canoni di stile abbiano influenzato anche i vestiti delle vedove.

(Continua a leggere dopo la foto)

 


Perché i vestiti erano espressione non solo della condizione sociale di vedove, ma anche del loro gusto estetico. In lutto sì, ma comunque con eleganza, il concetto è questo.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

È questo che vuole dimostrare la mostra curata da Jessica Regan e Harold Koda, anche curatore del Costume Institute. Quello che davvero faceva la differenza, era il tessuto usato: per i vestiti da lutto era usata una seta cartonata, che rendeva l’abito più opaco.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004