“Dovevo farlo”. Kate Middleton, una decisione che entra nella storia. E il gradimento schizza alle stelle

Kate Middleton, duchessa di Cambridge, è nata il 9 gennaio 1982 ed è la moglie del principe William del Regno Unito. Catherine è nata a Reading e cresciuta presso Chapel Row, un villaggio presso Newbury, nel Berkshire, in Inghilterra, ha studiato storia dell’arte in Scozia all’Università di St Andrews, dove ha incontrato il principe William nel 2001.

Il loro fidanzamento è stato annunciato nel novembre del 2010 e la coppia è convolata a nozze il 29 aprile 2011 nell’Abbazia di Westminster. Mamma di George Alexander Louis (erede al trono), Charlotte Elizabeth Diana e Louis Arthur Charles, Kate Middleton ha avuto un impatto molto importante sull’indice di gradimento della casa reale, sulla moda e sui costumi inglesi ed americani. I media lo hanno definito come “Kate Middleton effect” e proprio grazie a questa etichetta, nel 2012 e 2013, Kate Middleton è stata prescelta tra le “100 persone più influenti nel mondo” dalla rivista Time.

Kate middleton centro infanzia4

Nel sondaggio realizzato tra il giugno 2018 e il giugno 2019, su un campione di 9.000 britannici, da YouGov (la società inglese esperta di ricerche di mercato) Kate Middleton si posizionava al al quarto posto con un 64% di giudizi positivi, a fronte di un 10% di giudizi negativi e un 22% di giudizi neutrali.


Kate middleton centro infanzia4

E sicuramente l’ultima mossa di Kate Middleton le farà guadagnare altri punti. L duchessa di Cambridge la duchessa di Cambridge ha lanciato il suo Centro per l’Infanzia per sensibilizzare sull’importanza dei primi anni e aiutare a “trasformare la vita”, affermando anche di voler “creare una società più felice, più sana di mente e più solidale”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Duke and Duchess of Cambridge (@dukeandduchessofcambridge)

Maglietta bianca e capelli sciolti, Kate Middleton ha pubblicato un video per presentare il progetto Royal Foundation Centre for Early Childhood. La duchessa ha raccontato di essersi confrontata con psichiatri, neuroscienziati, professionisti e accademici e anche genitori per capire cosa fosse necessario fare.