“Anello modificato per scongiurare un incubo”. Kate Middleton, il retroscena sul gioiello di Lady Diana

Stupendo e inimitabile l’anello di fidanzamento appartenente a Kate Middleton, uno dei gioielli più conosciuti appartenenti alla duchessa di Cambridge. Si tratta di uno zaffiro ovale, blu, da 12 carati e guarnito di 14 diamanti solitari tutt’intorno.

Le è stato donato nel lontano 2010, quando il principe William si è inginocchiato e le ha fatto la proposta di matrimonio più romantica di sempre. Da quell’esatto momento Kate non se l’è mai tolto. La storia del prezioso racconta che prima di finire sulla mano della Middleton apparteneva all’iconica Lady Diana.

In queste ultime ore è il Mirror a far propagare la notizia, previa consultazione di fonti reali, che l’anello, poco prima del matrimonio dei duchi di Cambridge celebrato nell’aprile 2011, è stato modificato in quanto per Kate era troppo largo e continuava a girare intorno al suo dito.


Infatti si pensa che il gioiello, per essere adattato alla Middleton, sia stato consegnato alle attenzioni degli esperti gioiellieri reali G Collins and Sons, che hanno apportato la modifica in modo che la duchessa potesse infilarlo con più comodità. Insomma una modifica che pare aver sconcertato qualcuno.

Kate Middleton, l'anello di Lady Diana: “Modificato per scongiurare un incubo”

Ma un’altro fan fact riguarda il lavoro meticolosissimo effettuato sul gioiello. Piuttosto che ridimensionarlo, si pensa che piccole perline di platino siano state aggiunte all’interno del fondo dell’anello, per dargli un grip migliore. Una fonte ha detto al tabloid The Sun che Kate lo “adora” e che il “peggior incubo di una sposa è guardare in basso e vedere che il proprio anello è caduto a terra”.