ivy getty matrimonio abito specchi

Al matrimonio la vip osa con un abito di specchi, poi un cambio look altrettanto favoloso

L’estate è la stagione che va per la maggiore in fatto di matrimoni, vip e non vip, ma mai se ne sono visti tanti come in questo autunno 2021. L’ultimo in ordine di tempo è quello dell’ereditiera modella, artista, socialite che ha detto sì al compagno fotografo dando il meglio di sé in fatto di stile. Non uno ma due abiti da sposa per lei, entrambi favolosi. Il primo che ha indossato, poi, a dir poco originale: tutto tempestato di specchi.

Lei, Ivy Getty, unica erede della fortuna di J. Paul Getty, aveva le idee molto chiare, perché voleva che a firmare le creazioni con cui è andata all’altare e poi festeggiato il fatidico sì fosse John Galliano per Maison Margiela e così è stato. Si tratta di un abito, ovviamente su misura per lei, a 4 strati. La base è composta da un corsetto color nude e imbottitura sui fianchi, un secondo strato con tulle tagliato di sbieco, un terzo strato con tulle bianco ma dall’effetto trasparente e infine un tessuto a specchi tagliato in tante piccole forme geometriche dalla forma irregolare.

ivy getty matrimonio abito specchi

Il matrimonio da favola di Ivy Getty

I vari dettagli erano riflettenti e collegati tra loro con un filo metallico per dare alla sposa la possibilità i muoversi senza “incidenti”. A completare l’outfit, Ivy Getty ha sposato il fotografo Tobias Engel con su dei tacchi Louboutin, un maxi velo lunghissimo che le ha coperto il viso e tenuto con una coroncina di fiori e accompagnata da damigelle vestite da fatine.


Il matrimonio che da molti sui social è stato definito “l’evento dell’anno” è andato in scena al City Hall di San Francisco. È lì che Ivy Getty è diventata ufficialmente la moglie di Tobias Engel. E a guardare le tante foto condivise su Instagram c’è da dire che mai come in questo caso si possono definire nozz da favola. Per l vestito, le nozze dell’ereditiera sono state da fiaba.

ivy getty matrimonio abito specchi

Poi il cambio d’abito per il ricevimento, sempre in una delle sale della City Hall di San Francisco. Anche il secondo vestito da sposa era favoloso. Sempre firmato John Galliano per Maison Margiela ma decisamente più classico rispetto al precedente era è in tulle panna, con un corpetto con lo scollo all’americana ricoperto di paillettes in tinta e una gonna decorata con dei ricami floreali ma dall’effetto nude. Quale vi è piaciuto di più?

Pubblicato il alle ore 20:26 Ultima modifica il alle ore 20:26