È il simbolo delle divise della nazionale italiana alle Olimpiadi di Rio, ma vi siete mai chiesti cosa significhi quel 7? Ecco qui la risposta, tutta per voi…

 

Ce lo siamo chiesti un po’ tutti, ammettiamolo. Ma non l’abbiamo detto ad alta voce perché ci siamo fidati di Armani. Le maglie della nazionale italiana ai Giochi Olimpici di Rio 2016 hanno tutte impresse in bella vista un numero sette bianco su sfondo scuro. Oltre ad aver notato che la divisa azzurra ricorda incredibilmente quella delle Seven Fighters del cartone animato giapponese Mila e Shiro, qualcuno si sarà di certo chiesto il perché di quel numero così in bella vista.

La spiegazione è molto più semplice di quanto si possa pensare…


(Continua a leggere dopo la foto)

 

{loadposition intext}

Il numero sette sta per “EA7”, la linea di Armani dedicata all’abbigliamento sportivo creata nel 2004 insieme a Shevchenko, ex numero 7 del Milan. Non si tratterebbe altro che del marchio della casa di moda che ha fornito le divise e di un omaggio al calciatore. Un bronzo come 20 anni fa, ad Atlanta. Intanto, in termini di gioco, Il Settebello (pallanuoto maschile) torna sul podio olimpico scendendo appena di un gradino, dall’argento di Londra a questo terzo posto di Rio, dopo un torneo non sempre brillantissimo ma gestito senza mai perdere la speranza di poter portare a termine la missione.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

La nazionale di Sandro Campagna dopo un quarto posto ai Mondiali e un Europeo deludente, raccoglie la gemma più preziosa e rinsalda una tradizione fatta ora di 3 ori, 2 argenti e 3 bronzi. E’ la 27a medaglia azzurra anche se resta da determinare il colore di quella della pallavolo maschile. (Campagna rinnova, cambia, ma porta sempre a casa un risultato da una squadra che considerava un’outsider alla vigilia. Terzo legno olimpico di fila per il Montenegro, terzo bronzo azzurro. Che gioia.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Guardate sotto i pantaloncini!”. L’incredibile video che sta facendo il giro del web tra lo stupore degli utenti: l’atleta giapponese, in gara alle Olimpiadi di Rio, si prepara alla gara, ma ecco che a giocargli un brutto scherzo ci pensa… il suo pene

Pubblicato il alle ore 19:29 Ultima modifica il alle ore 11:29