Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Cara suocera, ecco 5 cose che penso di te (ma che non ti dirò mai)

Qual è il difetto peggiore di un uomo? Sua madre, colei che si intrometterà sempre, non solo nella sua vita, ma anche nella vostra, perfino nella tua e in quella dei vostri figli. Colei che cucinerà sempre meglio di te e che avrà sempre un punto in più di te perché lei stira le camicie e tu no. Ma tutte abbiamo bisogno di toglierci qualche sassolino dalla scarpa. Tutte vorremmo dirne quattro, anzi cinque, a nostra suocera. Se lei la prendesse bene, le diremmo le cinque cose sotto. Ma lei la prenderebbe male, quindi anche stavolta lasciamo stare catastrofi familiari…

(Continua a leggere dopo la foto)


1)Mia cara suocera, è vero, le tue polpette sono deliziose, la tua pasta al forno ottima, ma la torta di mele la faccio più buona io. E basta con questo fatto che le ricette devi darmele tu perché a lui piace la tua cucina. A lui piace anche la mia. E le ricette me le cerco da sola. Grazie.

2)La mamma è sempre la mamma, ma la moglie o la fidanzata sono sempre la moglie o la fidanzata. Ovvero lui ama me. A te vuol bene. E se non ti chiama tutti i giorni non è il caso di offendersi, ok?

3)La nostra casa non è sempre aperta: il fatto di essere la madre di lui non ti autorizza a piombare qua dentro quando ti pare e piace. Perché il caso vuole che ogni volta che tu chiami perché stai arrivando (grazie di avvisarci, quello sì) noi siamo quasi sempre senza vestiti e sotto le lenzuola. Non credi che anche tu dovresti aumentare il ritmo dei tuoi rapporti piuttosto che interrompere i nostri?

(Continua a leggere dopo la foto)

4)Non sono cattiva se non gli stiro le camicie, se ogni tanto gli chiedo di passare l’aspirapolvere e se abbiamo i turni per lavare i piatti. Non sono cattiva se gli faccio notare che è disordinato e che se uno cucina poi deve anche pulire i fornelli. Quindi smetti di difenderlo. E poi, sinceramente, mi meraviglio di te: nel ’68 combattevi per la parità dei sessi e adesso dove è andato a finire tutto il tuo spirito battagliero?

5)Questi bambini sono i nostri. Ci abbiamo messo anni per far loro capire che le patatine non vanno bene per merenda e nemmeno prima di cena; lottiamo ogni volta che usciamo per far loro capire che no, non ogni volta che si esce si può comprare qualcosa. Perché li vizi senza un minimo di pietà per noi? E perché li difendi sempre? Non lo sai che i bimbi si rammolliscono? 

Grazie, per sempre tua,

Nuora 

 


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004