Il narghilè: storia di un rituale di ospitalità e convivialità tra commensali

Contenuto sponsorizzato – Il narghilè, noto anche come shisha, consiste nel fumare tabacco aromatizzato in una pipa ad acqua in cui gli appassionati di narghilè si passano la pipa e fanno una boccata con la famiglia o gli amici. È orientato alla conversazione e promuove una migliore connessione tra i partecipanti. Il narghilè è profondamente radicato in una tradizione culturale che è presente da generazioni nelle famiglie indiane, persiane, turche, egiziane e in altre famiglie del Medio Oriente. Il suo gesto è più di un’attività sociale divertente o un modo per rilassarsi, è un modo per famiglie, parenti, amici e collaboratori di queste culture di offrire ospitalità e rafforzare i legami tra loro. Sebbene il narghilè sia il nome più comune e ampiamente utilizzato per questo dispositivo per fumare, ha molti altri nomi in tutto il mondo. Tra questi ci sono chicha, shisha, hookah, nargeela, nargile, sheesha, okka, ghalyan, ecc. La maggior parte di queste espressioni sono di origine somala, araba, etiope, indiana, turca o persiana. Quindi approfondiamo un po’la storia, l’origine, i vantaggi e la cultura del passato, oltre che scoprire cos’è il narghilè elettronico attuale.

Storia e origine dello shisha


Il narghilè è simbolo di raffinatezza e cordialità, spesso offerto in regalo. La sua origine è controversa, tuttavia molti storici concordano sul fatto che il primo narghilè nella forma che conosciamo oggi risale all’India del XVI secolo. In questo momento, il tabacco da fumo divenne popolare anche tra i nobili dell’alta società. Inoltre, fu nel tentativo di purificare il fumo con l’acqua in una base di vetro chiamata “chicha”, che fu inventato il narghilè. Quindi, il narghilè si è rapidamente affermato come un modo per i nobili di mostrare il loro alto status sociale.

Nel XVII secolo, il narghilè entrò a far parte della cultura persiana, dove veniva usato un tabacco forte e scuro. Gli artigiani erano orgogliosi dell’estetica e ridefinirono l’aspetto della pipa attraverso la lavorazione del legno. Per la prima volta, lo shisha è diventato disponibile per tutti ed è nata un’industria di servitori di narghilè. 

Lo Shisha è poi migrato nella cultura turca e durante il XVIII secolo ha continuato a prosperare in modi più innovativi. Quindi, lo shisha era molto presente nell’alta società turca ed era un vero e proprio status symbol. Si fumava dopo le cene reali e durante le riunioni diplomatiche. Perché offrire narghilè a un ospite è diventato un importante segno di fiducia.

La tradizione del narghilè si diffuse in tutto il Medio Oriente per tutto il XIX secolo. In Egitto, le forme tradizionali di tabacco viste in precedenza venivano riformulate mescolando miele o melassa con il tabacco. Di solito ci si riferisce a un tabacco aromatizzato, perché si aggiungeva anche limone essiccato, uva, anguria e menta. Pertanto, lo shisha era usato come un modo per le persone di rilassarsi, socializzare e rafforzare i legami tra loro. Oggi, in tutto il mondo, il narghilè non ha rotto con la tradizione. Perché i membri della famiglia, gli amici intimi e le nuove conoscenze si uniscono e approfondiscono i legami intorno allo shisha, come è stato fatto per generazioni. 

Cos’è lo shisha

Lo Shisha, noto anche come narghilè, è una pipa ad acqua che viene utilizzata per fumare un particolare tipo di tabacco aromatizzato, che viene riscaldato indirettamente con l’ausilio di carboni o braci di legno. Si fuma attraverso la pipa. Ci sono diverse parti su questo tubo: il tubo dell’acqua, immerso nell’acqua, il camino, il serbatoio, il focolare e il tubo. Il tabacco, spesso composto da melassa, viene posto nel focolare, dove il tabacco verrà bruciato dal carbone. Il fumo passa quindi attraverso l’acqua e viene quindi aspirato dal fumatore attraverso la pipa.

Ci sono anche narghilè in vetro, di lusso o più classici. È possibile, per i fumatori, aromatizzare il proprio narghilè con molteplici aromi di tabacco come frutti rossi, pesca, menta, cocco, ananas, melone, limone o anche con arancione e molti altri. Pertanto, il profumo di shisha può essere adatto a tutti gli amanti di questa tradizione.

Benefici e usi dello shisha

Poiché la maggior parte dei narghilè in Medio Oriente e all’estero contiene succhi di frutta ed essenze, il loro profumo è molto più gradevole di quello di una sigaretta normale. Inoltre, il suo odore è meno aggressivo e può persino sembrare dolce. Lo shisha ti aiuta a rilassarti. Inoltre, è comunemente usato dopo un pasto o durante una conversazione con altre persone, tra amici. Un’alternativa alle sigarette. Insieme alle sigarette elettroniche, lo shisha è diventato una tendenza mondiale per molti fumatori. Chi fuma shisha non fuma assolutamente sigarette.

Oggi, fumare shisha è diventato popolare in tutto il mondo. I bar con narghilè sono molto comuni nelle grandi città e nei sobborghi. Molti studenti e giovani scelgono infatti di fumare il narghilè da soli o con un gruppo di amici. La ragione della popolarità del narghilè può essere attribuita a diversi fattori. Derivato da tradizioni non occidentali, fumare narghilè è un’alternativa alle sigarette. Il solo vedere un narghilè può suscitare curiosità e stimolare la conversazione tra i coetanei. 

Inoltre, il consumo di shisha rimane un’attività sociale tradizionale. Quindi, i gruppi possono riunirsi attorno a un narghilè per conversare, rilassarsi e distendersi, il che lo rende un hobby e un’attività ricreativa. Coloro che desiderano partecipare alle attività della vita notturna potrebbero effettivamente preferire l’atmosfera rilassata di un bar con narghilè. Infine, poiché il narghilè utilizza tabacco puro e naturale, senza alcun prodotto chimico, viene percepito come meno aggressivo e quindi meno dannoso per la salute.

Pubblicato il alle ore 16:22 Ultima modifica il alle ore 13:27